Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Roma: Cardenas (PRD), politica rimetta al centro cittadini e ambiente

colonna Sinistra
Martedì 8 ottobre 2013 - 13:31

Roma: Cardenas (PRD), politica rimetta al centro cittadini e ambiente

(ASCA) – Roma, 8 ott – Migliorare le condizioni di vita deicittadini, soprattutto dal punto di vista sociale eambientale: e’ il nucleo necessario di una nuova politica nonrinviabile per l’America Latina, come per il nostro Paese eil mondo intero, secondo Cuauhtemoc Cardenas, fondatore delPartito della Rivoluzione Democratica (PRD), primo Presidentedel Distretto federale di Citta’ del Messico, piu’ voltecandidato al Governo nazionale ed oggi Coordinatore Generaleper gli Affari internazionali del governo di Citta’ delMessico.

Cardenas e’ nella capitale per la due giorni ”Citta’ delMessico a Roma” che mettera’ a confronto fino a domaniimprese, istituzioni, associazioni delle due citta’ conl’obiettivo di creare nuove sinergie tra i sistemiimprenditoriali ed istituzionali messicani e romani. Citta’del Messico: 9 mila chilometri quadrati in cui vivono quasi30 milioni di persone, e per questo, da oltre dieci anni, unodei laboratori piu’ interessanti di politiche di riduzionedell’inquinamento, del trasporto privato e degli sprechienergetici, secondo il Latin American Green City Indexdell’Ocse. ”Un processo di cambiamento che in citta’ non si e’ maiinterrotto dal 1997 quando si e’ insediato un Governo che hamantenuto una vocazione democratica”, spiega Cardenasall’ASCA, a margine dei suoi impegni istituzionali nellaCapitale. ”Mi piace pensare che questa attenzione aicittadini e all’ambiente si stiano riflettendo sugliindicatori che ci riguardano, nonostante il nostro Governosia dal ’97 all’opposizione rispetto al Governo nazionale, edunque le politiche che vengono attivate a Citta’ del Messiconon sempre corrispondano agli indirizzi nazionali,soprattutto a livello sociale”. E’ per questo che la citta’, spiega Cardenas ”ha cercatoin questi anni di costruire relazioni dirette con altrecitta’, come nel caso di Roma, per confrontare e condividerele esperienze positive anche al di fuori del Paese,attraverso attivita’ di cooperazione culturale, economica edistituzionale”. Cardenas e’ gia’ stato in visita a Roma nel 1998 ”ospitecome Capo del Governo federale dell’allora sindaco Rutelli -ricorda con l’ASCA – e nonostante ora io stia passando molteore in uffici e incontri istituzionali, ho ritrovato questacitta’ in piena attivita’, carica di energia, dipotenzialita’ culturali, economiche e sociali rispetto allequali credo sarebbe importante potenziare gli scambi inessere con la mia citta”’. Roma e Citta’ del Messico, nota Cardenas ”condividono lapresenza di un centro storico pieno di testimonianze remote epreziose, un’esperienza importante di conservazione epromozione di questo patrimonio, la necessita’ di lavoraresulla mobilita’ e il ciclo dei rifiuti, su cui in questavisita stiamo cercando di puntare per lavorare insieme ancoradi piu’ e meglio nel futuro. Citta’ del Messico lotta controuna conformazione geografica che impedisce il ricircolo deiventi da Nord a Sud a causa della enorme barriera montuosache lo ostacola, e per questo puo’ condividere con Romaesperienze molto efficaci sul trasporto pubblico e la lottaall’inquinamento atmosferico. Vorremmo studiare meglio,pero’, l’esperienza romana delle ZTL che stiamo proponendo inpiccola scala e vorremmo diffondere anche da noi”. La vitalita’ dei Governi Latinoamericani contro la crisi,tuttavia, parla all’Italia di una necessita’ di politichenuove nelle forme, ma anche bei contenuti: ”credo che inquesti tempi di crisi – ha sottolineato Cardenas – la primasfida che la politica deve affrontare e’ quella di migliorarele condizioni di vita della gente, in primo luogo deigiovani, con attivita’ specifiche di sostegno all’istruzione,alla formazione, ma anche allo sport e al divertimento,perche’ realizzino i propri obiettivi di vita grazie apolitiche di crescita economica che aprano in concretoopportunita’ che non prescindano dalla solidarieta’, dallacapacita’ di accompagnarsi e tenersi per mano l’unl’altro”.

E sulle recenti vicissitudini della politica italiana, unironico disincanto: ”in base a quel poco che e’ arrivatofino a noi sui media, credo che corruzione e abusi sianoproblemi che si ripropongono praticamente in quasi tutti iPaesi”.

sis/sat

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su