Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • No Tav: Caselli dopo pacco bomba Stampa, rischi gravi per giornalisti

colonna Sinistra
Venerdì 4 ottobre 2013 - 10:26

No Tav: Caselli dopo pacco bomba Stampa, rischi gravi per giornalisti

(ASCA) – Torino, 4 ott – ”Chi tocca certi fili rischia eanche gravemente”. Cosi’ il procuratore capo di Torino,Giancarlo Caselli, commenta il pacco bomba recapitato ieri algiornalista della Stampa Massimo Numa, da tempo nel mirinodell’ala piu’ radicale dei No tav. ”E’ da parecchio tempo che molti osservatori – osservaCaselli a margine di un convegno in corso a Palazzo digiustizia – denunciano come stia serpeggiando a margine delmovimento No Tav, in cui ci sono persone assolutamente perbene e altre che non lo sono affatto, un messaggio criminale,che si puo’ sintetizzare con parole, molto brutali se volete,e cioe’ che chi tocca certi fili, si tratti di giornalisti odi amministratori, politici, o magistrati o poliziottirischia”. ”E questo attentato e’ la dimostrazione che ilrischio e’ effettivo e puo’ essere anche grave” haconcluso.

Nei giorni scorsi alla redazione della Stampa di Torino,ma la notizia si e’ diffusa soltanto ieri in tarda serata, e’giunta una busta spedita per posta ordinaria con unachiavetta Usb contenente 120 grammi di polvere esplosivapronta a scoppiare non appena fosse stato collegato alcomputer. Nella busta, senza mittente, c’era anche un foglioscritto al computer secondo cui la chiavetta conteneva videoe immagini relative al campeggio no tav di Chiomonte. Ifattorini del quotidiano e il giornalista stesso si sonoinsospettiti e hanno avvisato la polizia. Secondo gliinquirenti l’ordigno era in grado di uccidere. Sull’episodioindagano i pm Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, titolaridelle inchieste sul movimento No Tav. Il 9 aprile scorso unaltro pacco bomba spedito a La Stampa fu intercettato daifattorini e fu disinnescato dagli artificieri. Nelle ultimesettimane l’account della posta elettronica del giornalistae’ stato violato, e le sue mail sono state pubblicate sualcuni siti Internet che sostengono il movimento no Tav. eg/cam

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su