Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Cei: pronti a revisione Statuto su indicazioni Papa

colonna Sinistra
Venerdì 27 settembre 2013 - 13:28

Cei: pronti a revisione Statuto su indicazioni Papa

(ASCA) – Roma, 27 set – I vescovi italiani sono pronti ametter mano ad una profonda revisione dello Statuto dellaConferenza episcopale italiana dopo le sollecitazioni venutedallo stesso Papa Francesco che, in sostanza, ha chiesto unaistituzione piu’ pastorale, semplificata nelle strutture esoprattutto piu’ vicina alla gente. Le riflessioni di Papa Francesco, esposte a piu’ ripreseai vescovi italiani, hanno fatto da sfondo ai recenti lavoridel Consiglio permanente della Cei, il ‘Parlamentino’ deivescovi italiani riunito a Roma da lunedi’ a mercoledi’scorso.

Un ampia eco di queste riflessioni e’ contenuto nelComunicato finale del Consiglio permanente illustrato oggi inconferenza stampa dal segretario, Mons. Mariano Crociata.

Nel Documento si sostiene che la Cei e’ pronta, con ilcontributo delle Conferenze episcopali regioniali, a mettermano a ”proposte sulla modalita’ di svolgimento del compitodelle Commissioni episcopali, prendere in esame valutazionicirca la modalita’ di nomina delle diverse figure dellapresidenza, alla luce del peculiare legame tra la chiesa inItala ed il Santo Padre e a considerazioni in merito alleprocedure di lavoro del Consiglio episcopale permanente edell’assemblea generale”.

Sul piatto, vi sono in pratica le indicazioni suggerite daPapa Francesco e che riguardano, nel concreto, lapossibilita’ di nominare un semplice presbitero, e non unvescovo, a segretario della Cei, la nomina del presdiente pervia elettiva e un nuovo accorpamento, dopo quello degli anniOttanta, delle Diocesi italiane. Ovviamente – ha spiegato mons. Crociata – tutto questonella massima attenzione alle parole del Papa. Modifiche chenon escludono le modalita’ elezione della presidenza. Inquesto senso abbiamo gia’ avviato una discussione aperta esenza preclusioni. Accogliamo dal Papa il suo atteggiamentonuovo, il suo rapportarsi alle persone con atteggiamenti diascolto. La nostra sara’ una riflessione sul modo di esserechiesa in Italia oggi e sul suo modo di lavorare”.

gc/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su