Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Alimentare: Cia, vino ‘Mafiozo’ offende Italia e ‘Made in Italy’

colonna Sinistra
Mercoledì 25 settembre 2013 - 15:56

Alimentare: Cia, vino ‘Mafiozo’ offende Italia e ‘Made in Italy’

(ASCA) – Roma, 25 set – La vicenda del vino ‘Mafiozo’ messoin commercio da un’azienda svedese nel Nord Europa conl’esplicito riferimento in etichetta all’Igp Salento e’doppiamente grave: da un lato si sfrutta ancora una volta lafama e la credibilita’ conquistati dal vino ”made in Italy”nel mondo per farsi pubblicita’ e vendere di piu’; dall’altrosi offende la reputazione del nostro Paese con l’accostamentoinaccettabile alla mafia e a personaggi negativi come ‘LuckyLuciano’. Lo afferma la Cia-Confederazione italianaagricoltori.

Per questo la Confederazione si associa alle protestedella Regione Puglia che chiede provvedimenti e sanzioni peri responsabili di questa triste operazione di marketing, cheassocia l’Italia alla criminalita’ organizzata e parla diIndicazione geografica protetta per una bottiglia che e’realizzata con uve salentine ma miscelate con lo”Zinfandel” californiano.

Casi come questo -osserva la Cia- non soltantocompromettono l’immagine di un comparto d’eccellenza, com’e’quello vitivinicolo, ma danneggiano i nostri produttori chelavorano sotto il segno della qualita’, della correttezza edella sicurezza alimentare. Non bisogna dimenticare che la contraffazione sottrae ognianno piu’ di un miliardo all’agroalimentare nazionale, di cuiil 20% ‘scippato’ proprio al mondo del vino. Un settore incostante crescita -ricorda la Cia- con un incrementodell’export superiore al 9% nella prima meta’ del 2013 evendite sui mercati globali che potrebbero toccare per laprima volta i 5 miliardi a fine anno, stabilendo un nuovorecord storico. red/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su