Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia: notte di lavoro al Giglio. ”Rialzata entro l’alba”

colonna Sinistra
Lunedì 16 settembre 2013 - 20:58

Costa Concordia: notte di lavoro al Giglio. ”Rialzata entro l’alba”

(ASCA) – Isola del Giglio (Gr), 16 set – I tecnici impegnatinella rotazione della Costa Concordia lavoreranno tutta lanotte con l’obiettivo di riportare il relitto in posizioneverticale prima dell’alba. L’operazione, secondo quanto riferito, procede bene, macon tempi significativamente piu’ lunghi rispetto alle dodiciore previste inizialmente. I lavori sono iniziati con tre oredi ritardo, alle 9 invece che alle 6, a causa del fortetemporale che si e’ abbattutto la notte scorsa sul Giglio,impedendo di effettuare le operazioni preparatorie. Quando tutto e’ stato pronto per il via, dalla controlroom, situata sulla chiatta ‘Polluce’ davanti alla prua dellanave, il salvage master Nick Sloane e altri 10 tecnici hannoiniziato, da remoto, il tiraggio dei 36 cavi. Prima lo scafoe’ stato disincagliato dalle rocce su cui era appoggiato, poiha iniziato a ruotare. Alle 19 la nave si era raddrizzata dioltre 13 gradi, come testimoniava la sempre piu’ ampia fasciascura della parte fino a oggi immersa e ora visibile. A meta’pomeriggio l’operazione e’ stata interrotta per un’ora e 8tecnici specializzati sono saliti sul relitto per liberare lacosiddetta ‘parte morta’ di 4 cavi di acciaio, cherischiavano di intrecciarsi con gli altri. ”Abbiamo avuto un ritardo ma lo abbiamo risolto. Invece didire ‘bravi che vi siete premuniti’ dite: perche’ non avetecalcolato anche la sfiga?’ E’ la logica di questo Paese”, hadetto Franco Gabrielli, capo della Protezione civile,parlando con i giornalisti. ”Andremo avanti ad oltranza per tutta la notte – haassicurato – occuperemo anche le ore dopo la mezzanotte: lecose procedono come devono ma con tempi piu’ dilatati”.

Comunque ”la nave sara’ raddrizzata entro l’alba”, haassicurato Sergio Girotto, responsabile del progetto dirimozione per il consorzio Titan-Micoperi. I tecnici prevedono che tra le 23 e la mezzanotte possaessere raggiunta la ‘soglia’ dei 22-24 gradi di rotazione.

”Poi – ha spiegato Girotto – terminera’ la fase ditiraggio e iniziera’ la fase di allagamento dei cassoni”.

Gli undici cassoni posizionati sul lato emerso, infatti,hanno delle valvole che permettono il riempimentoprogressivo. Mano a mano che si accrescera’ il peso della’zavorra’, la nave ruotera’ fino a completare la ‘corsa’ di65 gradi necessaria per tornare dritta.

Allo stesso tempo i cassoni impediranno allo scafo dirovesciarsi dall’altra parte. ”Questa fase – prosegueGirotto – sara’ nelle mani del salvage master Nick Sloane:tecnicamente potrebbe essere molto veloce ma non lo sara’perche’ vogliamo che il relitto si appoggi gradatamente sullepiattaforme. Ci vorranno da 1 a 3 ore e dunque la nave sara’raddrizzata entro l’alba”.

ntanto in serata, al Giglio, e’ arrivato, per una visita,anche il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando. ”Nonconcentrerei – ha detto – l’attenzione su un’ora in piu’ o inmeno. E’ come un’operazione a cuore aperto, se serve mezz’orain piu’ e’ mezz’ora spesa bene”. afe/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su