Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Costa Concordia: Gabrielli, rotazione come previsioni. Scafo… (1 Upd)

colonna Sinistra
Lunedì 16 settembre 2013 - 13:29

Costa Concordia: Gabrielli, rotazione come previsioni. Scafo… (1 Upd)

(ASCA) – Isola del Giglio (Gr), 16 set – ”E’ manifesto che la rotazione e’ avvenuta secondo le previsioni, i numeri che i tecnici ci hanno fornito sono esattamente rispondenti alle previsioni. Apprezziamo una significativa deformazione della fiancata di dritta, e questo ci conforta anche sulla convinzione che avevamo che il parbuckling si doveva fare quanto prima perche’ cosi’ abbiamo i tempi per apprestare una serie di interventi”. Lo ha detto il capo della Protezione civile Franco Gabrielli. La deformazione significativa dello scafo nella parte appoggiata sulle rocce era prevista dai tecnici. ”Per il momento vediamo con le telecamere che ci sono grandi deformazione, il dettaglio non si puo’ sapere”, ha spiegato Sergio Girotto, responsabile del progetto per Titan-Micoperi. ”Noi – ha detto ancora Gabrielli – abbiamo sempre immaginato, essendo le navi costruite per rimanere in asse che nel momento in cui si appoggiano sul fianco su una roccia inevitabilmente quella fiancata si deforma. Peraltro e’ appoggiata non su una superficie perfettamente liscia ma su una superficie con delle asperita’. Questo ovviamente ha sempre fatto immaginare che era necessaria una attivita’ di ripristino delle condizioni per collocare i cassoni molto piu’ complicata di quella utilizzata per la fiancata di sinistra. Posti di fronte all’alternativa se effettuare la rotazione a settembre o in primavera il nostro auspicio e’ sempre stato quello di farlo a settembre, oltre che per ragioni di un ulteriore deterioramento della struttura ma anche perche’ questo avrebbe consentito ai tecnici di visionare la fiancata, progettare e installare quello che deve essere installato”. Attualmente la nave poggia non piu’ sulla fiancata ma sul cosiddetto ‘ginocchio’: ”Il ginocchio – ha concluso il capo della Protezione civile – poggia sulla parte del fondale livellata con sacchi di malta cementizia che costituiscono il luogo fisico in cui il ginocchio della nave va ad appoggiarsi”. afe/sam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su