Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Afghanistan: Gamba (Julia), la transizione e’ davvero positiva

colonna Sinistra
Mercoledì 11 settembre 2013 - 13:47

Afghanistan: Gamba (Julia), la transizione e’ davvero positiva

(ASCA) – Udine, 11 set – ”L’Afghanistan e’ sempre piu’ nellemani degli afghani, la transizione sta maturando in terminidavvero positivi”. A poche ore dal rientro della brigataalpina ”Julia” dall’Afghanistan, il comandante generaleIgnazio Gamba, ha incontrato i giornalisti ad Udine permanifestare ”piena soddisfazione” per la missionecompiuta.

Il prossimo anno si terranno le elezioni in Afghanistan e”questo sara’ un passaggio fondamentale” per le prospettivedi sviluppo del Paese, in termini di democrazia, liberta’ esicurezza, ma anche di rilancio dell’economia, a partire – haprecisato il generale – da quella agricola, passando per losfruttamento delle altre risorse del Paese (”si pensi soloal marmo”) per finire col turismo, in particolare ad Herat,dove la ”Julia”, sostituita dalla brigata meccanizzata”Aosta’, era di stanza. Gamba ha riferito di aver trovatouna leadership afghana ”pienamente consapevole” del ruoloaffidato, in grado di mantenere puntualmente la sicurezza(gli incidenti ci sono, ma spesso a causa di attentatoriprovenienti dall’estero). ”Posso dire di aver trovato inquesti nuovi dirigenti una crescita culturale e managerialemolto elevata – prosegue Gamba-. Sono loro, oggi, a prenderele decisioni, anche quelle strategiche. Quattro anni fa,quando c’ero stato in una precedente missione, non eracosi’.

Dopo circa un trentennio di guerre e conflitti, oggi sistanno muovendo davvero bene. E questo e’ confortante”. Adimostrazione del successo della missione. ”Piena”, d’altraparte, e’ la soddisfazione, dei governanti afghani di Heratper i progetti della cooperazione italiana, ”anzituttoperche’ non sono stati imposti ma concordati con lecomunita”’. Dopo aver costruito scuole, ospedali, strade, igoverni locali chiedono adesso che si provveda agliinsegnanti, ai medici, agli operatori sanitari, perche”’queste infrastrutture non rischino di rimanere cattedralinel deserto”. Ma e’ cio’ che la missione italiana, concludeGamba, sta gia’ facendo.

fdm/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su