Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Aviaria: E. Romagna, senza nuovi focolai stop emergenza entro settembre

colonna Sinistra
Martedì 10 settembre 2013 - 19:45

Aviaria: E. Romagna, senza nuovi focolai stop emergenza entro settembre

(ASCA) – Bologna, 10 set – Al momento, in ogni azienda inEmilia-Romagna dove sono stati segnalati focolai di influenzaaviaria H7N7, ”sono stati compiuti tutti gli abbattimentinecessari, nonche’ le attivita’ di sanificazione esterilizzazione”. Pertanto ”dal 7 settembre sono iniziati i21 giorni di sorveglianza, dopo i quali, se non sarannoregistrati nuovi casi, si potra’ definire conclusal’emergenza epidemia”.

Lo ha reso noto – riferisce un comunicato – l’assessoreregionale alla Sanita’, Carlo Lusenti, intervenendo in Aulaper una relazione sugli ultimi aggiornamenti relativi alladiffusione dell’aviaria giunta al terzo caso di contagioumano. Rispetto alla precedente informativa, svolta il 3settembre davanti alle commissioni Politiche per la salute ePolitiche economiche dell’assemblea legislativa, ”il 4settembre – ha spiegato Lusenti – e’ stata confermata unanuova positivita’ che riguarda 98.000 pollastre a Mordano inun allevamento che aveva gia’ ottenuto l’autorizzazioneministeriale all’abbattimento preventivo, iniziato il 5settembre e concluso il 7 settembre, mentre il 5 settembresi registrava una nuova positivita’ a Bondeno, in provinciadi Ferrara, presso un privato proprietario di 6 galline, percui l’abbattimento si e’ concluso nella stessa giornata”. Nell’ultima settimana, prosegue l’assessore, sono statiinoltre abbattuti preventivamente, dopo l’autorizzazioneministeriale, piu’ di 85.000 animali, e entro il 13 settembresara’ concluso un nuovo piano di abbattimenti preventivi.

Per quanto riguarda il contagio di essere umani, anche nelterzo caso confermato relativo a un operatore impegnatonell’abbattimento, Lusenti ha informato che ”anche in questocaso il lavoratore e’ stato sottoposto ad isolamentodomiciliare ed e’ in sorveglianza attiva fino a guarigioneclinica, insieme alla moglie e al figlio 17enne, mentre dopola individuazione del sesto focolaio a Bondeno le personeesposte, dieci in totale, appartenenti a due nuclei familiariapparentati, sono in sorveglianza giornaliere e ad oggi sonostati esclusi sintomi correlabili all’infezione da influenzaaviaria”.

Rispetto ai due lavoratori che avevano gia’ manifestatosintomi di influenza aviaria, l’assessore ha chiarito che”il primo e’ stato dichiarato guarito, anche se continua lasorveglianza sui 4 familiari che stanno bene, mentre ilsecondo, che vive solo, in data 10 settembre effettuera’ unavisita di controllo oculistico, gia’ programmata”.

Inoltre l’esponente della giunta emiliano romagnola haindicato che ”per i 59 lavoratori esposti nei primi 4allevamenti, anteriormente alla individuazione dei focolai,si e’ gia’ conclusa la sorveglianza sanitaria, mentre unlavoratore del quinto focolaio e’ oggi in sorveglianza attivada parte degli operatori della sanita’ pubblica, e per tuttigli altri lavoratori coinvolti, circa 300, impegnati comunquecon diverse mansioni nelle operazioni di controllo deifocolai, e’ prevista una specifica sorveglianza sanitaria”.

Nel complesso, conclude Lusenti, ”in considerazione delnumero di lavoratori esposti, si conferma che le segnalazionipervenute finora rientrano ampiamente in quanto era attesodalle precedenti esperienze”.

Dopo la relazione dell’assessore, il consiglio regionaleha approvato all’unanimita’ una risoluzione, sottoscritta daPdl (primo firmatario Gianguido Bazzoni), Pd, Lega nord, Idv,Fds, Sel-Verdi, Udc, Mov5stelle e Gruppo Misto, che impegnala Giunta a individuare ulteriori criteri di biosicurezza.

Nel documento si invita, inoltre, la giunta a prevedereincentivi per sostenere le ristrutturazioni necessarieall’adeguamento degli allevamenti e degli impianti ai nuovicriteri individuati.

com-stt/mau/rl

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su