Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Siria: profuga non sopravvive a viaggio. Dona organi e salva 3 italiani

colonna Sinistra
Martedì 3 settembre 2013 - 19:00

Siria: profuga non sopravvive a viaggio. Dona organi e salva 3 italiani

(ASCA) – Palermo, 3 set – In fuga da Damasco alla ricerca diun futuro migliore, ha trovato la morte sull’imbarcazionedella speranza. Ma il suo dramma oggi salvera’ tre pazienti,due siciliani e uno calabrese.

E’ la toccante storia – della quale da’ conto il Centroregionale trapianti siciliano – della donazione di organi daparte di una donna siriana di 49 anni trovata in fin di vitasull’imbarcazione soccorsa dalla Guardia costiera il 28agosto scorso, al largo di Siracusa. La profuga, che viaggiava con il marito e i due figli, erastata trasferita all’ospedale Umberto I di Siracusa per unarresto cardiocircolatorio. Ma, purtroppo, i disperatitentativi dei medici di salvarle la vita sono stati vani .

I rianimatori hanno quindi chiesto al marito l’assenso alladonazione degli organi.

Alle 7.30 di questa mattina sono terminate le operazionidi prelievo di fegato e reni: il fegato e’ stato trapiantoall’Ismett su un uomo di 66 anni, siciliano ma residente inCalabria; un rene e’ stato trapiantato al Policlinico diCatania su una donna calabrese di 60 anni in urgenza clinicaregionale; l’altro rene e’ stato assegnato ad Ismett per unuomo di 41 anni di Ragusa.

”E’ stata un’esperienza toccante – racconta MaurilioCarpinteri, il medico rianimatore che ha assistito la donna -che insegna cosa e’ la vera solidarieta’. Il marito e i duefigli adolescenti – prosegue il medico – hanno superato ogniistintiva diffidenza e si sono completamente affidati. In unmomento di grande disperazione ci hanno regalato tutto quelloche avevano con una dignita’ davvero esemplare”.

La signora in patria lavorava come infermiera, il maritoinvece aveva un’attivita’ imprenditoriale. Siracusa, nelleloro intenzioni, era solo la prima tappa europea: dallaSicilia avrebbero proseguito per la Svezia dove vive e lavorail figlio maggiore.

La donna sara’ sepolta a Malta, dove vivono la madre e duefratelli.

red-stt/sam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su