Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Vaticano: dopo 7 anni Bertone si appresta a lasciare Segreteria Stato

colonna Sinistra
Venerdì 30 agosto 2013 - 19:31

Vaticano: dopo 7 anni Bertone si appresta a lasciare Segreteria Stato

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 30 ago – E’ stato per 7 anni il responsabile delle attivita’ politiche e diplomatiche della Santa Sede, la piu’ antica e rilevante carica della Curia romana. Tarcisio Bertone cardinale da Romano Canavese si appresta, alla vigilia dei suoi 79 anni a lasciare l’incarico di Segretario di Stato dopo aver ‘servito’ per oltre 6 anni Benedetto XVI e, dalla sua elezione, papa Francesco. Bertone, arcivescovo di Genova, e’ nominato Segretario di Stato il 22 giugno 2006 da papa Benedetto XVI, carica che ricoprira’ dal 15 settembre 2006, succedendo al cardinale Angelo Sodano, dimissionario per raggiunti limiti d’eta’ secondo le prescrizioni del Codice di Diritto Canonico. Ratzinger, per la posizione piu’ influente del Vaticano dopo il pontefice, decide di nominare il suo fidato collaboratore al tempo in cui il cardinale tedesco era prefetto della Congregazione per la dottrina della fede. Nel 1995, infatti, Bertone viene nominato da Giovanni Paolo II Segretario della Congregazione, venendo dalla responsabilita’ dell’Arcidiocesi di Vercelli alla quale era approdato da rettore del Pontificio Ateneo Salesiano. Un periodo difficile quello affrontato dal Card. Bertone, con crisi interne ed esterne che hanno messo a dura prova la Chiesa, dallo Ior a Vatilikeas. Un legame forte quello tra Ratzinger e Bertone che si rafforza con la nomina, il 4 aprile 2007, a Camerlengo di Santa Romana Chiesa. Una nomina che, qualche anno piu’ tardi, diventa cruciale per le sorti della Chiesa. In qualita’ di Camerlengo, infatti, si trova a gestire gli affari correnti della Santa Sede durante il periodo di Sede Vacante, protratto dall’inaspettata rinuncia di Benedetto XVI all’elezione di papa Francesco. L’11 febbraio 2013 papa Benedetto XVI annuncia al mondo la sua rinuncia al ministero petrino, Bertone cosi’ assume la funzione di governo ordinaria della Chiesa fino al 13 marzo scorso giorno dell’elezione di Bergoglio. Creato cardinale da Giovanni Paolo II nel Concistoro del 21 ottobre 2003, il card. Bertone attualmente e’ membro delle Congregazioni per la Dottrina della Fede; per il Clero; per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti; per le Chiese Orientali; per i Vescovi; per l’Evangelizzazione dei Popoli e soprattutto presidente della Commissione Cardinalizia di Vigilanza dell’Istituto per le Opere di Religione (I.O.R.). Istituto che negli ultimi mesi, con l’avvento di papa Francesco, ha subito una radicale operazione di trasparenza finanziaria. Il 15 gennaio 2010, per raggiunti limiti d’eta’ secondo le norme del Diritto Canonico, presenta le proprie dimissioni a Benedetto XVI. Puntualmente respinte dal pontefice per iscritto sottolineando di non voler rinunciare alla sua ”preziosa collaborazione”. Bertone, con piena fiducia del pontefice, continua il suo lavoro alla guida della Segreteria di Stato fino all’epilogo finale. Dopo l’era Sodano (Segretario di Stato dal 1991 al 2006 con Giovanni Paolo II e Benedetto XVI) termina, dunque, l’era Bertone che all’eta’ di 78 anni si appresta a lasciare l’incarico al nuovo Segretario di Stato che accompagnera’ papa Francesco. L’avvicendamento di Bertone avverra’ dopo 45 giorni dall’annuncio della nomina del nuovo Segretario di Stato. dab/sat/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su