Header Top
Logo
Venerdì 17 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Aviaria: nuovo focolaio a Mordano (E.Romagna), 150mila capi abbattuti

colonna Sinistra
Mercoledì 28 agosto 2013 - 13:14

Aviaria: nuovo focolaio a Mordano (E.Romagna), 150mila capi abbattuti

(ASCA) – Bologna, 28 ago – Nuovo focolaio di influenzaaviaria a Mordano, sul confine tra le province di Bologna eRavenna. Il virus, secondo quanto si apprende da una notadella Regione, e’ stato individuato a seguito dell’attuazionedel piano di controllo straordinario previsto dalla Regionein un allevamento di galline ovaiole, di proprieta’ Eurovo,gruppo titolare del primo focolaio di Ostellato (Fe) edell’altro sito a Mordano. L’accertamento del nuovo focolaioe’ avvenuto grazie alla stretta rete di sorveglianzasanitaria messa in campo dalla Regione e alla collaborazionedelle imprese di settore, proprio per garantire ilcontenimento dell’infezione all’indomani della scopertadell’arrivo del virus in regione.

Dall’assessorato Politiche per la salute regionaleriferiscono che ”il diffondersi della malattia eraprevedibile perche’ avvenuto nell’ambito della stessa aziendadi produzione e a pochi chilometri dall’altro focolaio”. Leoperazioni di abbattimento dei circa 150 mila capiinizieranno in giornata.

La Regione, per fronteggiare il nuovo caso di aviaria, hagia’ emanato un’ordinanza per l’attuazione delle misurestraordinarie previste dalla normativa sanitaria europea enazionale. Nel frattempo e’ giunta anche l’autorizzazione dalMinistero per procedere all’abbattimento preventivo di unallevamento di tacchini situato nelle vicinanze del focolaiodi Portomaggiore e Ostellato. Gli animali (65 mila circa)risultano negativi al virus ma l’abbattimento preventivo halo scopo di diradare la popolazione avicola sensibile allamalattia, per fare terra bruciata attorno al virus.

Prosegue intanto il monitoraggio degli allevamenti sottoil controllo dell’assessorato alle Politiche per la salute eil coordinamento di tutte le iniziative con gli assessoratiall’Agricoltura e la Vicepresidenza per un’emergenza che,oltre ad essere sanitaria, ha risvolti economici importantiper questa regione.

red/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su