Header Top
Logo
Sabato 29 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sanita’: ispettori a Grosseto e Orbetello. Regione, pronti a collaborare

colonna Sinistra
Martedì 27 agosto 2013 - 19:31

Sanita’: ispettori a Grosseto e Orbetello. Regione, pronti a collaborare

(ASCA) – Firenze, 27 ago – ”So che il ministro della saluteLorenzin ha disposto l’invio di ispettori agli ospedali diGrosseto e Orbetello. Collaboreremo con loro, perconfrontarci e individuare meglio i passaggi in cui sonostati compiuti eventuali errori. Cosi’ come daremo massimacollaborazione alla Procura di Grosseto, perche’ sia fattamaggiore chiarezza su entrambi gli episodi”.

Cosi’ l’assessore toscano al Diritto alla salute, LuigiMarroni, interviene in una nota sui due casi di Grosseto eOrbetello, per i quali il ministro della Salute ha dispostole ispezioni. L’assessore Marroni coglie anche l’occasione per fare ilpunto, dati alla mano, sugli eventi avversi nella sanita’toscana. ”Il numero di richieste di risarcimento per lesionio decessi nel 2008 e’ stato pari a 1.583; nel 2012 risulta di1.362”, informa l’assessore. ”Il numero – prosegue – e’andato pertanto diminuendo, sia in valore assoluto, masoprattutto se rapportato al numero dei ricoveri annuali. Inquesti ultimi 6 anni l’indicatore delle richieste dirisarcimento si e’ dimezzato. I dati della Regione Toscana(richieste di risarcimento) sono in linea con quelli di altreregioni italiane in rapporto al numero di abitanti”.

Per quanto riguarda l’errore trasfusionale avvenuto aGrosseto, dove e’ deceduto un paziente, per Marroni, ”ilrapporto tra errori trasfusionali e numero di trasfusionitende a variare da un paese ad un altro, anche se in media sicolloca sul valore di 1 caso di errore da trasfusione disangue incompatibile su 40.000 trasfusioni. Si tratta ingenere di dati che sottostimano il fenomeno. In Toscana negliultimi anni, dal 2008 ad oggi, sono stati segnalati al CentroGrc 9 incidenti trasfusionali (incluso quello di Grosseto),su un totale di circa 180.000 trasfusioni all’anno. L’incidenza risulta pertanto inferiore a quella stimata inaltri contesti sanitari europei. Va tenuto presente anche chela letalita’ e’ inferiore al 10%”, conclude l’assessoretoscano al Diritto alla salute.

afe/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su