Header Top
Logo
Mercoledì 26 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ferragosto: VV.FF. in servizio. Conapo, siamo pochi Alfano dia soluzioni

colonna Sinistra
Mercoledì 14 agosto 2013 - 12:08

Ferragosto: VV.FF. in servizio. Conapo, siamo pochi Alfano dia soluzioni

(ASCA) – Roma, 14 ago – ”La politica fa chiacchiere epolemiche ferragostane e l’Italia deve fare i conti con ilmaltempo, con le devastazioni delle sempre piu’ frequentitrombe d’aria e con la piaga degli incendi boschivi senzasufficienti mezzi aerei, quale conseguenza di unairresponsabile politica di tagli lineari ai servizi, invecedi limitare gli sprechi di stato. I vigili del fuoco, chequotidianamente rischiano la vita per garantire la sicurezzae il soccorso dei cittadini, si trovano invece anche privatidelle ferie a causa della carenza di personale edell’imperversare delle emergenze.

Mentre i nostri politici si riempiono la bocca di belleparole che evocano la sicurezza dei cittadini, nel nostroPaese c’e’ chi, come i vigili del fuoco, lavora per davveroper garantire tranquillita’ e sicurezza a ferragosto, comedel resto in tutti i giorni dell’anno, senza conoscere feste,e gli avvenimenti di questi giorni, purtroppo, loconfermano”. E’ quanto dichiara Antonio Brizzi, segretariogenerale del Conapo, sindacato autonomo dei vigili delfuoco.

”Al ministro Alfano che a Ferragosto fara’ la solitapasserella al Viminale in seno al comitato nazionale perl’ordine e la sicurezza pubblica con saluti alla polizia e aivigili del fuoco chiediamo di dare segnali concreti perripristinare la piena operativita’ del nostro corpo che -continua Brizzi – deve essere all’altezza delle mutazioniclimatiche e delle calamita’ che purtroppo sempre piu’ spessoci colpiscono. Per questo e’ necessario sbloccare leassunzioni attraverso il turnover, potenziare l’organicoutilizzando i soldi oggi spesi per i precari, mettere mano alriordino delle carriere e soprattutto dare concretezzalegislativa alla parita’ di trattamento retributiva epensionistica dei vigili del fuoco rispetto agli altri corpidello stato quale atto di parita’ di trattamento previstoanche dalla carta costituzionale”.

”Il ministro non puo’ continuare ad ignorare il fatto chei vigili del fuoco percepiscono una retribuzione di 300 euroinferiore agli altri corpi e devono lavorare cinque anni inpiu per conseguire il diritto alla pensione, e per di piu’pretendere dai vigili del fuoco un rischio che non e’ certoinferiore agli altri corpi”, ha concluso il segretariogenerale del Conapo.

red/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su