Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ferragosto: Coldiretti, 1 italiano su 5 fa il picnic, il 27% a casa

colonna Sinistra
Mercoledì 14 agosto 2013 - 10:04

Ferragosto: Coldiretti, 1 italiano su 5 fa il picnic, il 27% a casa

(ASCA) – Roma, 14 ago – Un italiano su cinque (19%) ha scelto di trascorrere il giorno di Ferragosto a pranzo con un picnic all’aria aperta con barbecue o al sacco ma il 27% non rinuncia alle comodita’ della casa per stare in compagnia di parenti e amici. E’ quanto emerge dal sondaggio on line del sito della Coldiretti in cui si evidenzia che appena il 4% andra’ al ristorante o in pizzeria mentre per il 30% degli italiani si tratta di un giorno come un altro. Qualunque sia la scelta degli italiani, sicuramente nei piatti prevarranno le ricette regionali della tradizione di Ferragosto, dice la Coldiretti, come la caponata di melanzane tipicamente siciliana, le frittole di maiale calabresi, la pastasciutta al sugo di papera cavallo di battaglia dell’Umbria, gli zitoni della Costiera Amalfitana con pomodori freschi e secchi, il coniglio all’ischitana tipico dell’Isola del Golfo di Napoli e le lumache di Belluno. Gli italiani – sostiene la Coldiretti- mostrano di apprezzare l’opportunita’ di accoppiare i piaceri della vacanza a quelli del mangiare sano e per ferragosto vengono privilegiati gli agriturismi che sono stati scelti da circa duecentocinquantamila vacanzieri, stabili rispetto allo scorso anno ed in netta controtendenza rispetto alle altre forme di ristorazione dove c’e’ una vera debacle. A far scegliere l’agriturismo rispetto alle altre forme di ristorazione e’ certamente – sottolinea la Coldiretti – l’opportunita’ di conciliare la buona tavola con la possibilita’ di stare all’aria aperta avvalendosi anche delle comodita’ e dei servizi offerti. Se il cibo una delle ragioni principali per scegliere l’agriturismo, sono sempre piu’ spesso offerti programmi ricreativi come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking ma non mancano – conclude la Coldiretti – attivita’ culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici. red/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su