Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Vaticano: nuova rete educativa internazionale tra scuole di ogni ordine

colonna Sinistra
Lunedì 12 agosto 2013 - 12:50

Vaticano: nuova rete educativa internazionale tra scuole di ogni ordine

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 12 ago – ”Una nuova reteeducativa internazionale tra scuole di ogni ordine e grado,in favore di una societa’ inclusiva, che assicuri ilnecessario ad ognuno per sviluppare il proprio progettovitale in accordo alla propria cultura, le proprieconvinzioni, i valori universali transculturali e il rispettodell’ambiente”. E’ l’iniziativa della Pontificia Accademiadelle Scienze che sara’ presentata domani in Vaticano pressola Casina Pio IV dopo l’udienza di papa Francesco alleNazionali di calcio di Italia e di Argentina (in programmaalle ore 12 nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico). Alla conferenza stampa, oltre ai responsabilidell’iniziativa, tra cui mons. Marcelo Sanchez Sorondo,Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, sarannopresenti anche Cesare Prandelli (Ct Italia), AlejandroSabella (Ct Argentina), Lionel Messi (Capitano Argentina),Gianluigi Buffon (Capitano Italia).

Riconoscendo l’importanza attuale dei primi risultatiraggiunti dalla ‘Escuela de Vecinos’ e dalle ‘EscuelasHermanas’, iniziative promosse da papa Francesco quando eraArcivescovo di Buenos Aires, la Pontificia Accademia delleScienze desidera promuovere la creazione di una reteeducativa internazionale tra scuole di ogni ordine e grado.

Questi alcuni degli obiettivi: costruire, tramitel’educazione, una societa’ inclusiva nella quale tuttipossano disporre del necessario per sviluppare un progetto divita in armonia con la propria cultura e le proprieconvinzioni, con i valori universali transculturali e nelrispe to dell’ambiente; sviluppare un atteggiamento diapertura all’altro come se stesso, in modo da andare verso unmondo sempre piu’ integrato, senza perdere la ricchezza delladiversita’; concepire l’ educazione come cammino, durante ilquale ciascuno sviluppi le proprie capacita’ nel migliore deimodi per il bene della comunita’ e per la propria felicita’;Promuovere la cooperazione tra studenti in rapporto allaconsapevolezza civica e alla politica, considerandole unapartecipazione attiva al bene comune. dab/lus/rl

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su