Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Papa: Oss. Romano, quella tra operai visita che nessuna immaginava

colonna Sinistra
Venerdì 9 agosto 2013 - 16:02

Papa: Oss. Romano, quella tra operai visita che nessuna immaginava

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 9 ago – ”La visita che nessunoimmagina, in una mattina qualunque d’agosto, quando la citta’sembra svuotarsi e non da molto si e’ iniziato il lavoroquotidiano: in falegnameria, in una centrale termica, in unlaboratorio di idraulica, in un magazzino o in un giornale,senza differenze. Il papa che si presenta all’improvviso eaugura con semplicita’ il buongiorno.

Poi comincia a chiedere del lavoro, quanti sono a farlo, comesi svolge. Alla fine stringe la mano di ognuno, tra personeincredule felicemente sorprese, e si congeda con unsorridente ‘buon lavoro”’. Cosi’ L’Osservatore Romanoracconta la visita a sorpresa di papa Francesco nel minuscoloquartiere industriale della Citta’ del Vaticano, dov’e’anche, dal 1929, la sede dell’Osservatore Romano.

Poco dopo le 9 papa Francesco e’ arrivato su un’utilitarianera con targa italiana, accompagnato da monsignor Fabia’nPedacchio Leaniz.

Il pontefice e’ entrato dapprima in falegnameria, si e’intrattenuto attorno ai banconi con gli operai che loguardavano con gli occhi sgranati. Poi ha raggiunto il vicinolaboratorio dei fabbri e la centrale termica, dove haascoltato con interesse le spiegazioni date da un operaio delturno mattutino, ha stretto la mano agli altri tre che sonosbucati, meravigliati, da dietro le grandi turbine dellacentrale ed e’ uscito di nuovo per raggiungere, pochi passipiu’ in la’, il laboratorio di idraulica.

Subito attorniato dagli operai, papa Francesco ha stretto lamano a tutti, rispondendo a qualche parola di ringraziamentoe a tutti rivolgendosi con il suo largo sorriso. Anche aigiornalisti e ai dipendenti dell’Osservatore Romano, che sisono affacciati stupiti alle finestre ad applaudirlo, mentreil pontefice ricambiava salutando con la mano.

Poi e’ risalito sull’auto del suo aiutante di camera, SandroMariotti, ed e’ tornato a Santa Marta. In tutto, poco meno diventi minuti. ”Un tempo breve, ma sufficiente – scrive l’OsservatoreRomano – per conoscere di prima mano un angolo poco visibilee importante del mondo vaticano, le cui strutture risalgonoai primi anni del pontificato di Pio XI. Una bella sorpresaper tutti. E si puo’ credere che non sara’ l’ultima”.

dab/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su