Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Dl Fare: coldiretti, salvati da estinzione fiori e ortaggi in serra

colonna Sinistra
Venerdì 9 agosto 2013 - 16:52

Dl Fare: coldiretti, salvati da estinzione fiori e ortaggi in serra

(Ripetizione con correzione dalla fonte).

(ASCA) – Roma, 9 ago – Il taglio dell’accisa sul gasoliosalva dall’estinzione un settore da primato del made in Italyin Europa con oltre 30mila serre posizionate in tutta Italiache producono fiori e piante ornamentali e ortaggi. E’ quantoafferma la Coldiretti in una nota commentando positivamenteil via libera definitivo della Camera al ‘decreto fare’ checontiene disposizioni per il rilancio economico del Paese,tra le quali ci sono anche le agevolazioni per chi coltiva inserra.

Il provvedimento dara’ un significativo respiro ad unsettore particolarmente toccato dalla crisi – rileva laColdiretti – nel sottolineare che sul piano politico e’decisamente positiva la conferma di orientare le pocherisorse disponibili a soggetti professionali che lavorano evivono di agricoltura, che l’Italia sta anche sostenendoanche a livello comunitario.

L’esenzione dell’accisa sul gasolio e’ fondamentale -spiega la Coldiretti – per la competitivita’ delle impreseitaliane che si devono confrontare sul mercato con partnercomunitari per i quali il costo dell’energia e’ inferiore edove vengono erogate agevolazioni per abbattere il costodelle fonti energetiche, per non parlare dei paesiextracomunitari favoriti da un clima piu’ caldo, chepraticano dumping sociale e che spesso utilizzano pratiche dicoltivazione bandite dall’Unione Europea.

La nuova norma – sottolinea la Coldiretti – prevede che”l’accisa sul gasolio per il riscaldamento dellecoltivazioni sotto serra, cui attualmente si applica lastessa accisa prevista per tutti i prodotti petroliferidestinati agli usi agricoli, pari al 22 per cento dell’accisaordinaria, viene ridotta a 25 euro per mille litri, acondizione che i richiedenti siano serricoltori per i qualil’attivita’ imprenditoriale agricola costituisce l’esclusivoo comunque il prevalente fattore produttivo, cioe’coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali,iscritti nella relativa gestione previdenziale edassistenziale. La disposizione intende dare una rispostaconcreta alla perdita di competitivita’ del settoreflorovivaistico ed orticolo a causa da un lato, del venirmeno delle disposizioni che prevedevano l’esenzionedall’accisa per il gasolio destinato alle serre e,dall’altro, dai continui aumenti dei prezzi dei carburanticon un aggravio dei costi di produzione insostenibili. Illivello di imposizione agevolato sara’ applicato sul gasolioper la serricoltura a condizione che le imprese beneficiariesi obblighino a ridurne il consumo, dando cosi’ un fattivocontributo al raggiungimento di una maggiore tutelaambientale.

La Coldiretti valuta positivamente anche le norme volte adagevolare la filiera corta e che consentono agli imprenditoriagricoli di vendere direttamente i loro prodotti eorganizzare il consumo sul posto per i clienti, senzaulteriori autorizzazioni, utilizzando i propri locali earredi aziendali. Una semplificazione – conclude laColdiretti – che agevola il rapporto diretto fra agricoltorie consumatori consentendo di effettuare la vendita diretta inoccasioni di sagre e fiere senza necessita di comunicarlopreventivamente al Comune interessato e di avviare la venditadiretta mediante commercio elettronico contestualmenteall’invio della comunicazione.

red/cam/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su