Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Droga: Gdf, parte protocollo Italia-Albania contro coltivazione cannabis

colonna Sinistra
Martedì 6 agosto 2013 - 08:36

Droga: Gdf, parte protocollo Italia-Albania contro coltivazione cannabis

(ASCA) – Roma, 6 ago – E’ stato attuato il protocollo dicollaborazione tra il ministero dell’Interno italiano equello albanese per il contrasto della produzione illecita dicannabis indica in Albania, siglato a Tirana il 19 giugno2012 tra la direzione centrale della polizia criminaleitaliana e quella della polizia albanese, che definisce lelinee giuda dell’attivita’ di aerosorveglianza della guardiadi finanza sulle aree interne del territorio schipetaro. E’quanto si legge in una nota diffusa dal comando operativoaeronavale della Gdf che, grazie all’aereo antidroga, hascoperto, proprio nella Repubblica d’Albania, oltre 500piantagioni di cannabis indica, mature per essere trasformatein piu’ di 1000 tonnellate di marijuana da esportarenell’Unione Europea e, soprattutto, in Italia.

L’attivita’ di esplorazione aerea e’ stata condotta sulterritorio albanese con un aereo del gruppo esplorazioneaeromarittima di Pomezia – Pratica di Mare (Rm), sul qualesono installati sofisticate fotocamere digitali e sensoriiperspettrali di ultima generazione sviluppati incollaborazione con il centro di competenza regionale BeneconScarl – Facolta’ di Architettura ”L. Vanvitelli” dellaSeconda Universita’ degli Studi di Napoli.

Le modernissime strumentazioni e la consolidata esperienzae professionalita’ dei finanzieri hanno portato, anchequest’anno, lusinghieri risultati operativi nella lotta alcrimine organizzato che lucra su tutta la filiera deltraffico di droga, dalla coltivazione della sostanza illecitafino al trasporto ed alla vendita al dettaglio sul territorioitaliano ed europeo.

Per la campagna di investigazione aerea, durata ben 8settimane, sono stati rischierati a Tirana, un’equipecomposta da finanzieri del gruppo esplorazione aeromarittimae ricercatori dell’ateneo partenopeo, a cui e’ stato affidatoil delicato compito di elaborare in tempi molto contenutil’enorme mole di dati acquisiti durante le quotidianemissioni di volo.

red/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su