Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maltempo: violento nubifragio nel torinese, abbattuti alberi e ponteggi

colonna Sinistra
Lunedì 29 luglio 2013 - 18:17

Maltempo: violento nubifragio nel torinese, abbattuti alberi e ponteggi

(ASCA) – Torino, 29 lug – Almeno cinquanta alberi abbattuti,un ponteggio caduto sulle macchine in sosta, senza perfortuna provocare feriti e persino le mascotte di Torino 2006sono finite a terra: il violento nubifragio che hainteressato l’area torinese nella mattinata di oggi, conprecipitazioni superiori ai 30 mm e, soprattutto, con ventidi velocita’ vicine ai 120 km/h, ha provocato diversi danniin citta’, soprattutto alle alberate cittadine e ai canali diraccolta delle acque piovane.

Il personale di pronto intervento Amiat e le dieci squadredi emergenza del settore Verde Pubblico hanno recuperatooltre 100 cassonetti di grandi dimensioni e un numeroimprecisato di contenitori piu’ piccoli, rovesciati dal fortevento, e spostati sulle carreggiate. Le stesse squadre stannoliberando le sedi stradali da tegole cadute dai tetti e dairami e tronchi sradicati dall’intensita’ del fenomeno.

Tra le ore 8 e le 11.30 sono stati effettuati oltre centointerventi dalle pattuglie della Polizia Municipale: le lineedel centralino della Centrale Operativa hanno ricevuto anche30-40 telefonate in contemporanea. Si segnalano disagisull’intero territorio cittadino a causa della caduta dialberi. Quaranta interventi della Polizia Municipale hannoriguardato lo spegnimento dei semafori, la caduta dicalcinacci, l’abbattimento della segnaletica, di arrediurbani, di cartelloni pubblicitari e ponteggi: la violenzadel vento e delle precipitazioni ha causato il cedimento diun’impalcatura edile in via Carrera, e di un muro di cinta invia Nicolini. Le statue simbolo delle Olimpiadi, Neve eGlitz, istallate in via Artom, appena restaurate, sono stateabbattute.

com/eg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su