Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Nps Onlus, 10 regole per un’estate piu’ sicura lontana da Aids

colonna Sinistra
Giovedì 25 luglio 2013 - 14:09

Salute: Nps Onlus, 10 regole per un’estate piu’ sicura lontana da Aids

(ASCA) – Roma, 25 lug – Si e’ concluso ‘senza mezzi termini’,la campagna estiva di sensibilizzazione e comunicazionepromossa da Nps Italia Onlus, con il contributo di GileadSciences, che ha coinvolto la citta’ di Torino e le regioniPuglia e Campania. E’ quanto si legge in una nota diffusadalla stessa Nps Onlus.

”Ritengo increscioso il silenzio del ministero – affermaRosaria Iardino, Presidente Onorario NPS Italia Onlus – in unperiodo delicato come quello estivo e con i numeri dell’HIVancora in aumento. Dalle istituzioni italiane non e’ partitaancora nessuna campagna informativa, mentre noi, una onlus abudget limitato, abbiamo scommesso energie e denaro percomunicare e sensibilizzare. Ad essere penalizzati sonosoprattutto i giovani che non conoscono, ancora oggi, glieffetti e le problematiche che un rapporto non protetto puo’avere su di loro e sui propri partner”. Nps Onlus da’ 10 consigli per un’estate lontanadall’Aids.

Anzitutto, e’ del tutto privo di rischi stringere la mano auna persona sieropositiva, condividere con essa cibo,bicchieri, posate, abiti; una persona sieropositiva nontrasmette il virus con la tosse, starnutendo, o nuotandonella stessa piscina; neppure la la saliva trasmettel’infezione da Hiv, quindi non ci si contagia tramite ilbacio; l’Hiv si trasmette attraverso lo scambio di fluidicorporei infetti: sangue, liquido seminale, secrezionivaginali; usare sempre il preservativo; evitare il contattodel nostro sangue con il sangue di un’altra persona di cuinon si sa per certo che sia sieronegativa; se si ritiene diavere vissuto una situazione di rischio e’ necessario edimportante fare il test; se si hanno situazioni a rischio e’meglio effettuare il test regolarmente, sarebbe meglio fareil test almeno 4 settimane dopo il rapporto a rischio perche’il risultato negativo del test fatto prima di questo periodofinestra non viene considerato definitivo; dall’HIV non sipuo’ guarire, ma ci si puo’ curare, per evitare problemi seridi salute e permettere una vita perfettamente normale.

red/res

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su