Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Papa: card. Betori, da giovani forte identificazione con Francesco

colonna Sinistra
Giovedì 25 luglio 2013 - 17:44

Papa: card. Betori, da giovani forte identificazione con Francesco

(ASCA) – Firenze, 25 lug – ”I primi gesti” compiuti da papaFrancesco ”stanno ribadendo quella che e’ l’impostazionegenerale del suo pontificato e i ragazzi ne sono moltocolpiti, basta pronunciare il suo nome e arriva un uragano diapplausi e di grida. C’e’ una forte identificazione con PapaFrancesco da parte dei giovani che peraltro non dimenticano isuoi predecessori”.

Lo afferma il cardinale arcivescovo di Firenze GiuseppeBetori intervistato da Radio Toscana dal Brasile, prima ditenere la sua seconda catechesi a Rio nell’ambito della Gmgsul tema ‘Essere discepoli di Cristo’.”In mezzo ad una folladi giovani cosi’ grande – afferma il cardinale Betori -sembrera’ strano, ma e’ possibile per un vescovo scopriremolte cose di se’ e di condividerle ineditamente con lepersone che incontra. In questa esperienza viene valorizzatala facilita’ di un rapporto che tante volte invece,soprattutto nelle situazioni piu’ istituzionali come vescovinon abbiamo. Ho vissuto un grande momento di rapportopastorale vero, di incontro fra persone, di possibilita’ diesprimersi anche in forme normalmente non proponibili in unavita ecclesiale tradizionale. Questo aiuta a far uscire anchela nostra umanita’, quelle che sono le nostrecaratteristiche. Ieri alla Catechesi con i ragazzi, quando horaccontato chi ero, ho dovuto ripercorrere un po’ la miastoria, raccontare i passaggi fondamentali della mia vita:tutto questo mi ha aiutato molto a ritrovare una dimensioneprivata paradossalmente nel mezzo di una folla cosi’ grande.

Qui – conclude il cardinale – o ti metti in giocopersonalmente oppure se reciti soltanto un ruolo non seicredibile, ma anzi dai una contro testimonianza. Ed e’ moltobella la risposta perche’ i giovani percepiscono e apprezzanoquesta capacita’ del vescovo di stare accanto a loro, dicondividere con loro questo momento. L’ho sperimentato piu’da vicino anche con i giovani fiorentini durante le giornateche abbiamo passato insieme nella Settimana missionaria aSalvador de Bahia”.

afe/lus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su