Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Mobilita’: Istat, nel 2012 -7,4% domanda trasporto pubblico su 2011

colonna Sinistra
Martedì 23 luglio 2013 - 11:08

Mobilita’: Istat, nel 2012 -7,4% domanda trasporto pubblico su 2011

(ASCA) – Roma, 23 lug – Il numero di passeggeri trasportatiin un anno dal trasporto pubblico urbano nel 2012 in Italiae’ pari a 208,9 passeggeri per abitante, in calo del 7,4%rispetto all’anno precedente. E’ quanto emerge dal rapportoIstat diffuso oggi sui dati ambientali nelle citta’ e sullaqualita’ dell’ambiente urbano in Italia relativo al 2012.

Secondo quanto riportato dall’Istat, oltre che in novegrandi comuni (Milano 689,2 passeggeri trasportati perabitante, Venezia 655,7, Roma 438,2, Trieste 332,7, Bologna246,4, Firenze 245,0, Genova 236,7, Cagliari 234,0 e Torino230,4), valori superiori si rilevano anche a Bergamo (271,9)e Siena (252,5). Solo a Milano, Venezia e Roma ogni abitanteeffettua piu’ di un viaggio al giorno.

Inoltre, in 12 capoluoghi del Mezzogiorno, la domanda ditrasporto pubblico locale e’ particolarmente contenuta e sicontano meno di 10 passeggeri trasportati per abitante:infatti, in 78 comuni si assiste a una contrazione delladomanda rispetto all’anno precedente. Le riduzioni piu’accentuate si verificano a Macerata, Frosinone, Siracusa,Caltanissetta, Ragusa e Lanusei, mentre una tendenza allariduzione di piu’ lungo periodo caratterizza otto comuni(Lecco, Reggio nell’Emilia, Vicenza, Pistoia, Arezzo,Grosseto, Avellino e Taranto). In controtendenza, con aumenti superiori al 10% rispettoal 2011, Cuneo, Forli’, Fermo, Latina, Andria, Crotone eSassari, mentre in cinque anni, solo Torino, Biella, Andria eCarbonia mostrano un orientamento continuo alla crescitadella domanda. Nelle principali realta’ urbane la domanda ditrasporto pubblico e’ pari in media a 329,1 passeggeri perabitante, valore in netto calo rispetto al 2011 (-8,2%). Neirimanenti comuni sono 62,2 i passeggeri trasportati perabitante (-2,3% rispetto al 2011): solo a Roma, Napoli eCatania, questa variazione negativa supera il 13%.

red/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su