Header Top
Logo
Lunedì 24 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Gmg: papa, rischiamo generazione senza lavoro. Ridare dignita’ a giovani

colonna Sinistra
Lunedì 22 luglio 2013 - 17:43

Gmg: papa, rischiamo generazione senza lavoro. Ridare dignita’ a giovani

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 22 lug – Un viaggio perincontrare i giovani che non vanno isolati ma aiutati adaffrontare le difficolta’ di ogni giorno come quellelavorative. E’ uno dei concetti espressi ai giornalisti dapapa Francesco nel volo che lo sta portando a Rio de Janeiroper la Giornata mondiale della gioventu’. Un particolareaccento e’ stato posto dal pontefice, riferisce RadioVaticana, sul rischio di avere una generazione senza lavoro.

Clima cordiale sul volo Roma – Rio de Janeiro. Il Papa haincontrato brevemente i giornalisti – una settantina: hariferito il direttore della Sala Stampa vaticana, padreFederico Lombardi – ed ha indicato una linea per il suoviaggio in Brasile. ”Vado a trovare i giovani”: ha dettopapa Francesco, giovani non isolati ma calati nella realta’di tutti i giorni anche perche’ il loro isolamento e”’un’ingiustizia”. I ragazzi – ha evidenziato – hannoun’appartenenza precisa; appartengono ad una famiglia, ad unapatria, ad una cultura e ad una fede. Dunque hanno unaricchezza che costituisce il futuro di un popolo ma – haaggiunto papa Francesco – il futuro e’ anche degli anzianiperche’ sono loro i depositari della ”saggezza di vita”,della storia, della patria e della famiglia. ”Un popolo hafuturo – ha proseguito – se va avanti con la forza deigiovani e con gli anziani”. Poi una riflessione sulla crisi economica mondiale e sullapossibilita’ per i giovani di trovarsi senza lavoro.

”Abbiamo il rischio di avere una generazione che non haavuto lavoro”, ha evidenziato il papa mentre e’ dal lavoroche viene ”la dignita’ della persona”, ”dal guadagnarsi ilpane”. Da qui un pensiero sulla cultura dello scarto che siriflette nel mettere da parte anche gli anziani mentre e’necessario promuovere una ”cultura dell’inclusione, unacultura dell’incontro”. Poi l’invito ai giornalisti: ”vichiedo di aiutarmi – ha concluso il papa – e lavorare per ilbene della societa’ dei giovani e degli anziani”.

dab/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su