Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Casa: Braia, documento condiviso tra parti sociali su disagio abitativo

colonna Sinistra
Lunedì 22 luglio 2013 - 17:42

Casa: Braia, documento condiviso tra parti sociali su disagio abitativo

(ASCA) – Roma, 22 lug – L’assessore della Basilicata, LucaBraia, in veste di coordinatore degli Assessori regionalialle politiche abitative, annuncia un documentosull’emergenza casa condiviso tra Anci, Conferenza delleRegioni, Federcasa, Cgil, Cisl e Uil.

Ricomporre il quadro delle competenze sull’ediliziasociale, allargare il mercato delle locazioni, riformare glienti gestori di edilizia residenziale pubblica, rifinanziareanche attraverso la defiscalizzazione a partiredall’azzeramento dell’Imu per le ex Iacp regionali.

Sono queste le proposte contenute nel documento epreannunciate in una nota da Braia che domani partecipera’, aRoma, ad un convegno promosso dalla Conferenza delle Regionie delle Province Autonome, dall’Anci, da Federcasa e da Cgil,Cisl e Uil. ”Il documento – spiega l’assessore lucano – parte dalpresupposto che il nostro Paese da troppo tempo e’ privo diuna politica nel comparto abitativo in grado di prospettaremisure strutturali per i tanti nodi irrisolti checondizionano negativamente il settore”. ”Il processo di attribuzione di competenze sull’ediliziasociale – aggiunge Braia – ha nel tempo prodotto un quadronormativo che presenta ambiguita’ interpretative. Occorrefare chiarezza partendo dalla definizione di alloggio socialee tenuto conto della normativa europea vigente”. L’altra anticipazione riguarda il mercato delle locazioniper cui ”il documento propone misure per favorire ilrilancio del comparto dell’affitto, adottando misure cheincrementino l’offerta a canoni sociali e convenzionati”. Braia ha anche illustrato la parte del documento relativaalla riforma degli enti gestori di edilizia residenzialepubblica che punta a ”superare una condizione di ambiguita’degli ex Iacp per finanziare ulteriormente l’ediliziaresidenziale pubblica pensando a recuperare un patrimonioedilizio privato libero ed inutilizzato, ristrutturando erecuperando il patrimonio edilizio pubblico esistente, ed inalcuni casi abbandonato, oltre che a forme anche innovativedi housing sociale che abbia come destinatari prioritari lefamiglie in difficolta”’, ha concluso l’assessore lucano.

com-stt/mau/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su