Header Top
Logo
Domenica 23 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • No Tav: scontri a cantiere, pm assistono a blitz, 9 fermati

colonna Sinistra
Sabato 20 luglio 2013 - 10:59

No Tav: scontri a cantiere, pm assistono a blitz, 9 fermati

(ASCA) – Torino, 20 lug – Ancora una notte di violenze alcantiere della Tav di Chiomonte con pietre, razzi, petardi,feriti tra le forze dell’ordine e tra gli attivisti, di cuiuno e’ stato ricoverato all’ospedale di Susa per ferite alcapo, diversi fermati. I No Tav non sono comunque riusciti aentrare nell’area dei lavori e sono stati respinti conidranti e lacrimogeni. Il blitz, a cui hanno assistito i pm Andrea Padalino eAntonio Rinaudo a fianco delle forze di polizia, e’cominciato a mezzanotte ed e’ durato oltre un’ora e mezza.

Chiusa l’autostrada da Chianocco a Salbertrand, in entrambele direzioni per oltre due ore. Il cantiere, e’ stato preso di mira a tenaglia dall’azionedi circa 250 attivisti. Duecento di loro, riferisce laquestura di Torino, divisi in sei-sette gruppi sono uscitidalla boscaglia con il volto coperto e hanno attaccato lereti mentre sull’autostrada un’altra cinquantina di personeha incendiato copertoni all’imbocco della galleriaGiaglione, accumulato masserizie per impedire l’apertura delvarco autostradale di servizio e avviato un fitto lancio dipietre.

Sette poliziotti, altrettanti carabinieri e un militaredell’esercito sono rimasti feriti seppure in modo non grave.

La reazione delle forze dell’ordine e’ stata decisa e nellecariche che sono seguite almeno una decina di manifestanti,che si sono dispersi nel bosco, e’ stata ferita. Nove diloro sono stati fermati. Nel corso del pomeriggio si eranointensificati i controlli in Valsusa con l’identificazionedi 124 persone. Di queste 14, con divisa nera, passamontagnae maschera antigas, sono state portate in questura perulteriori accertamenti. Molte di loro, riferisce la questura,anche provenienti da altre citta’ italiane, erano gia’ noteper essersi evidenziate in altri disordini Tav, oltre che inaltre manifestazioni torinesi. Due sono risultati gia’colpiti da fogli di via per reati specifici commessi in Valledi Susa. Ad una giovane attivista proveniente da Milano, e’stato notificato il medesimo provvedimento per reati commessinel maggio di quest’anno, in occasione di manifestazioni nonautorizzate per ostacolare l’esecuzione di sfratti.

com/eg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su