Header Top
Logo
Venerdì 28 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Rifiuti: A2A, in semestre 2013 impianto Acerra ha trattato 314mila ton.

colonna Sinistra
Giovedì 11 luglio 2013 - 15:44

Rifiuti: A2A, in semestre 2013 impianto Acerra ha trattato 314mila ton.

(ASCA) – Napoli, 11 lug – Nei primi sei mesi del 2013 iltermovalorizzatore di Acerra ha trattato 314.000 tonnellatedi rifiuti, confermando gli elevati standard di efficienzaraggiunti. Contestualmente, grazie alla valorizzazione energetica deirifiuti, sono stati immessi in rete 278 GWh di energiaelettrica (pari al fabbisogno energetico, nel semestre, di200.000 famiglie) ed evitato il consumo di 52.000 tep(tonnellate di petrolio equivalente). Questi i datiprincipali resi noti dalla A2A societa’ che gestiscel’impianto di Acerra, l’unico del genere in Campania.

”Il termovalorizzatore ha confermato ottimi risultati ancheper quanto riguarda i dati delle emissioni in atmosfera -sottolinea una nota – che, grazie alle moderne tecnologieimpiegate nella depurazione dei gas di combustione, hannofatto registrare valori ampiamente al di sotto dei limitiimposti dalle normative di riferimento e di quelli ancorapiu’ stringenti fissati dall’Autorizzazione IntegrataAmbientale”.

A2A conferma che nel periodo preso in esame sono stateeffettuate le previste attivita’ di manutenzione sia dellelinee di combustione, sia della sezione di produzioneenergetica di cui si compone l’impianto. Interventicalendarizzati ”in modo da non pregiudicare la capacita’annuale di trattamento dei rifiuti dell’impianto”. Nel corsodel primo semestre del 2013 la societa’ ha avviato, incollaborazione con le Associazioni dei Consumatori ACSSA,Lega Consumatori e Amici della Terra, un progetto diinformazione ed educazione ambientale rivolto alle scuole deiComuni di Acerra, Caivano e Napoli. Ci sono stati incontri inaula e visite guidate presso il termovalorizzatore diAcerra.

Tutti i dati delle emissioni, costantemente monitorati, sonoinviati ad ARPA Campania e disponibili online sul sitointernet www.a2a.eu e sul sito dell’Osservatorio Ambientale.

com-dqu/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su