Header Top
Logo
Sabato 24 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Abusivismo: Coldiretti, da Cina 3 prodotti contraffatti su 4

colonna Sinistra
Venerdì 5 luglio 2013 - 18:44

Abusivismo: Coldiretti, da Cina 3 prodotti contraffatti su 4

(ASCA) – Roma, 5 lug – Tre prodotti contraffatti su quattroscoperti in Europa derivano dalla Cina che ha anche ilprimato della pericolosita’ delle merci messe in vendita sulmercato. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione delmaxi blitz della guardia di finanza che ha scovato un’interafabbrica di orologi di extra lusso taroccati, 15 tonnellatedi alimenti potenzialmente pericolosi, decine di migliaia difarmaci e alcolici di contrabbando provenienti dalla Cina ecentomila borsette di griffe false. Le ultime stimedell’Unione Europea parlano per le merci false o contraffatte- sottolinea la Coldiretti – di un business da 200 miliardidi euro l’anno, comparabile al volume d’affari del trafficodi stupefacenti, ma con minori rischi per i trafficanti.

Secondo un sondaggio on line della Coldiretti piu’ di unitaliano su due (52 per cento) acquista prodotti contraffatticon una netta preferenza per i capi di abbigliamento e gliaccessori taroccati delle grandi firme della moda (29 percento). Tra gli articoli contraffatti che tentano gliitaliani ci sono anche – sottolinea la Coldiretti – glioggetti tecnologici (14 per cento) ed i ricambi meccanici (6per cento) mentre c’e’ una grande diffidenza nei confronti dimedicinali e cosmetici (1 per cento), giocattoli (1 percento) e alimentari (1 per cento). Si tratta di una debolezzache solo in Italia alimenta un mercato del falso che fattura6,9 miliardi di euro secondo la ricerca del Ministero delloSviluppo economico con il Censis, dalla quale si evidenziache i settori piu’ colpiti sono l’abbigliamento e gliaccessori con un giro d’affari del falso di 2,5 miliardi, icd, dvd e software (1,8 miliardi) e l’alimentare (1,1miliardi). Nel caso degli alimentari, spesso a differenzadegli altri prodotti, la vendita di prodotti taroccatiavviene all’insaputa dell’acquirente ed e’ per questo ancorapiu’ grave. Le frodi a tavola si moltiplicano nel tempo dellacrisi soprattutto con la diffusione dei cibi low cost e sonocrimini particolarmente odiosi perche’ – continua Coldiretti- si fondano sull’inganno nei confronti di quanti, per laridotta capacita’ di spesa, sono costretti a risparmiaresugli acquisti di alimenti. Oltre un certo limite non e’possibile farlo se non si vuole mettere a rischio la salute.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su