Header Top
Logo
Giovedì 22 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Lavoro: Coldiretti, rivoluzione culturale, 38% giovani preferisce campi

colonna Sinistra
Giovedì 4 luglio 2013 - 10:02

Lavoro: Coldiretti, rivoluzione culturale, 38% giovani preferisce campi

(ASCA) – Roma, 4 lug – Il 38% dei giovani preferirebbegestire un agriturismo piuttosto che lavorare in unamultinazionale (28%) o fare l’impiegato in banca (26%).

Lo attesta una recente indagine Coldiretti/Swg citata inoccasione dell’odierna Assemblea nazionale a Roma allapresenza di 15mila coltivatori italiani, dei ministri Alfano,De Girolamo, Orlando, Lorenzin, Zanonato , oltre cherappresentanti delle forze sociali, economiche, sindacali,nazionali ed estere. La crescita di opportunita’ nel settoreagricolo e’ resa evidente dal boom del 29% delle iscrizioninegli istituti professionali agricoli e del 13% negliistituti tecnici di agraria, agroalimentare ed agroindustria,come emerso da un’analisi della Coldiretti sui dati delministero dell’Istruzione per l’anno scolastico 2012/2013divulgati dal ministero dell’ Istruzione, circa il 70% delleimprese giovani – ha continuato la Coldiretti – opera inattivita’ multifunzionali: dall’agriturismo alle fattoriedidattiche fino agli agriasilo, dalla vendita diretta deiprodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale dellatte in formaggio, dell’uva in vino, delle olive in olio, maanche pane, birra, salumi, agrigelati e addiritturaagricosmetici.

La domanda di lavoratori si registra infatti per figureprofessionali tradizionali che vanno dal trattorista altaglialegna fino al potatore, ma anche per quelle innovativeall’interno dell’impresa agricola come l’addetto alla venditadiretta di prodotti tipici, alla macellazione, allavinificazione o alla produzione di yogurt e formaggi.

stt/cam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su