Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Pediatri Siaip, in estate le allergie non vanno in vacanza

colonna Sinistra
Martedì 2 luglio 2013 - 19:39

Salute: Pediatri Siaip, in estate le allergie non vanno in vacanza

(ASCA) – Roma, 2 lug – Tempo d’estate, tempo di vacanze. Maanche in questo periodo dell’anno le allergie non vannotrascurate perche’ possono diventare scomode compagne diviaggio. Dalla SIAIP – Societa’ Italiana di Allergologia eImmunologia Pediatrica – arrivano i consigli per trascorrerequesta stagione in sicurezza quando si soffre di allergia, unproblema che in Italia interessa due bambini su cinque. Perchi si mette in viaggio, gia’ il mezzo di trasportoutilizzato (auto, aereo o treno) suggerisce la scelta dialcuni accorgimenti. Se si e’ allergici ai pollini, quando cisi sposta in automobile e’ meglio tenere i finestrini chiusied usare l’aria condizionata (possibilmente con filtri autoantipolline) durante il tragitto. Potendo scegliere ilmomento della partenza bisognerebbe optare per le prime oredel mattino o la sera, quando la concentrazione di pollininell’aria e’ minore. Se invece sono gli acari a causareallergia e ci si muove in treno, converra’ portare cusciniantiacaro per non esporsi a potenziali crisi allergiche.

Consiglio che vale anche per chi viaggia in aereo dove e’sempre necessario un corretto ricambio dell’aria per lasalute dei passeggeri. In ogni caso, quale che sia il mezzodi trasporto scelto, e’ opportuno tenere sempre a portata dimano i farmaci contro le reazioni allergiche di cui si puo’avere bisogno nell’immediato. Altro consiglio utile quando siviaggia riguarda chi soffre di intolleranze o allergiealimentari: se si decide di mangiare nel vagone ristorantedel treno o a bordo dell’aereo e’ opportuno sapere conesattezza cosa si ordina per evitare possibili reazioniallergiche causate da alcuni ingredienti. Lo stesso vale ognivolta che si mangia fuori casa; e’ sempre meglio dichiararele allergie alimentari e portare con se’ i farmaci per ilprimo intervento. Tra gli alimenti maggiormente coinvolti inquesti tipi di allergie vi sono il latte, le uova, la soia,le arachidi, le nocciole, il pesce, i crostacei (ma attentianche agli alimenti non di routinario consumo, se contengonosemi o spezie come senape, sesamo.

curry…) . Mare o montagna per le vacanze di chi e’ allergico?”Dipende dal tipo di allergia – spiega Roberto Bernardini,Presidente della SIAIP e Direttore della UOC di Pediatriadell’Ospedale San Giuseppe di Empoli -.

Se un bambino e’ allergico ad acari o muffe, meglio mete conun clima secco. In questo caso, la montagna oltre i 1500metri e’ la meta ideale, sia per i bambini sia per gliadulti. A quell’altezza, infatti, non ci sono acari, checostituiscono fra le principali cause degli attacchi d’asma.

Gli acari necessitano di umidita’ per sopravvivere e non sonocompatibili con il clima secco che si trova in altamontagna.

Si puo’ scegliere anche una localita’ sopra i 2500 metri diquota, se il bambino non ha problemi respiratori, ma semprecon gradualita’ passando prima qualche giorno a quoteintermedie per acclimatarsi. Nel caso di allergia da pollini,il luogo preferibile per le vacanze e’ invece il mare. Qui laproduzione di pollini e’ minore, poiche’ essendo ridottol’ambiente terrestre, anche la presenza di piante e’ ridotta.

Inoltre, la brezza marina allontana i pollini dallaterraferma e ripulisce l’aria”. red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su