Header Top
Logo
Sabato 25 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Caso Ruby: difesa Mora, va assolto. Non c’entra nulla con prostituzione

colonna Sinistra
Venerdì 28 giugno 2013 - 13:23

Caso Ruby: difesa Mora, va assolto. Non c’entra nulla con prostituzione

(ASCA) – Milano, 28 giu – Lele Mora va assolto perche’ ”lasua condotta non ha nulla a che vedere con i rapportisessuali”. Ne e’ convinto l’avvocato, Giovanni Maris,difensore del talent scout imputato nel processo Ruby bisinsieme a Nicole Minetti ed Emilio Fede per induzione efavoreggiamento della prostituzione anche minorile. Illegale, nella sua arringa difensiva, ha chiarito che ”non vie’ mai stata nessuna iniziazione da parte di Mora”.

Mora era un agente, ha spiegato ancora l’avvocato Maris, ele aspiranti show girl che si rivolgevano a lui lo facevanoper avere successo: ”Il compito di Mora era di renderefamose le sue clienti, esporle, portarle sul palcoscenico.

Mora – ha detto il legale – non puo’ sottrarsi a questo. Lapossibile evoluzione delle serate in relazione sessuale conl’ospite non e’ affatto automatico”. Dal legale anche unaprecisazione: ”Queste ragazze fanno tutte parte di un mondoe di un contesto ben definibile, di cui fanno parte tutti:sia chi partecipa alle feste sia chi le invita”. E ancora:”Le ambizioni e gli obiettivi di vita di queste ragazze sonoevidenti a tutti”, secondo l’avvocato Maris che ha aggiunto:”Quelle che potevano arrossire durante la serata si contanosulle dita di una mano”. L’avvocato Maris, dunque, non hadubbi: ”Chiedo l’assoluzione di Mora perche’ il fatto noncostituisce reato”.

fcz/cam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su