Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Droga: ‘chi la compra sostiene mafia’, campagna governo in 21 citta’

colonna Sinistra
Mercoledì 26 giugno 2013 - 11:02

Droga: ‘chi la compra sostiene mafia’, campagna governo in 21 citta’

(ASCA) – Roma, 26 giu – ”Liberi da tutte le droghe, Liberida tutte le mafie. Chi compra droga finanzia le mafie, leloro violenze e il terrorismo”.

E’ questo lo slogan lanciato della campagna promossa dalDipartimento Politiche Antidroga (Dpa) della Presidenza delconsiglio dei ministri, che apparira’ sui principalimonumenti di 21 citta’ italiane in occasione della Giornatainternazionale contro il consumo e il traffico di droga,celebrata in tutto il mondo oggi, 26 giugno.

L’iniziativa – riferisce una nota – e’ realizzata sottol’Alto patronato del Presidente della Repubblica, GiorgioNapolitano, con il patrocinio del Senato della Repubblicanella persona del Presidente, Pietro Grasso, e con ilpatrocinio della Camera dei Deputati, nella persona delPresidente, Laura Boldrini. ”Siamo molti soddisfatti di questo progetto dicomunicazione, realizzato dal Dpa – dichiara GiovanniSerpelloni, capo del Dipartimento – che nell’edizione diquest’anno ha visto l’adesione di altre citta’ italiane, chehanno dimostrato una grande sensibilita’ su questatematica”. Il semplice e incisivo messaggio antidroga sara’ infattiproiettato sulle facciate di monumenti simbolo di Ancona,Bari, Bologna, Cagliari, Campobasso, Catanzaro, Firenze,Genova, L’Aquila, Lecce, Milano, Napoli, Palermo, Pavia,Perugia, Potenza, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona. ”Sono proprio i ragazzi – sottolinea ancora Serpelloni -che devono credere nella possibilita’ di costruire un mondolibero dalle droghe e dalle mafie e lottare contro questeorganizzazioni criminali esprimendo, prima di tutto, uncomportamento individuale coerente con la legalita’, dilontananza totale da queste organizzazioni e di rispettodella propria salute fisica, mentale e sociale”. Il dierettore del Dpa, infine, si rivolge a ”chi ha unadipendenza patologica e l’acquisto di droga diventa quindiuna ‘necessita’ fisica’: puo’ in alternativa accedere aiservizi pubblici che sono in grado di offrire valide eimmediate, nonche’ gratuite, terapie”, ha indicatoSerpelloni.

com-stt/cam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su