Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Comuni: Fipe-Censis, movida piace a ogni eta’, 29 mln non vi rinunciano

colonna Sinistra
Giovedì 20 giugno 2013 - 10:32

Comuni: Fipe-Censis, movida piace a ogni eta’, 29 mln non vi rinunciano

(ASCA) – Roma, 20 giu – Anche se, non sorprende, la movidapiace al 92,1% dei giovani, divertirsi e’ molto importanteper tutte le generazioni, con oltre 29 milioni di itliani chenon riununciano ad uscire una volta ogni tanto e 15.6 milioniche si concedono una serata di svago almeno una volta asettimana.

Lo attesta una ricerca Censis-Fipe, la Federazioneitaliana pubblici esercizi aderente a Confcommercio-Impreseper l’Italia, realizzata con la partecipazione del Silb,l’Associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo edi spettacolo. Ne emerge – riferisce una nota- che il 46,3% delle personedi una certa eta’ giudica importante che vi siano luoghinelle citta’ caratterizzati dalla concentrazione di localiper mangiare, ballare, divertirsi. La movida, insomma – decretano i dati – piace allastragrande maggioranza dei cittadini che associano a questofenomeno sociale un giudizio positivo. La percentuale di chivede la movida come un fatto positivo diminuisce conl’aumentare dell’eta’ pur rimanendo il valore piu’ altorispetto a chi la vede come ‘negativa’. Cio’ – rileval’indagine – vale fino alla fascia di eta’ over 65 dove i duevalori si invertono, ma risultano fortemente influenzati dachi (40,1%) non sa neanche che cosa sia la movida. Per oltre il 63% dei cittadini e’ molto importante chenelle citta’ ci siano luoghi dove mangiare, ballare edivertirsi. Anche qui le percentuali piu’ alte si registranonella fascia di eta’ 18-29 anni, ma diminuiscono conl’aumentare dell’eta’. Nonostante cio’, anche fra gli ultrasessantacinquenni c’e’ un buon 46,3% che ritiene la movidamolto importante per la qualita’ della vita e abbastanzaimportante per attirare turisti. Tradotto in valori assoluti: sono oltre 29 milioni gliitaliani che una volta ogni tanto escono la sera e di questi15,6 milioni escono almeno una volta a settimana, mentre afrequentare il centro storico della propria citta’ sono circa22 milioni di italiani. ”La movida – sostiene il presidente Fipe, Lino Stoppani -assume sempre piu’ una connotazione turistica, comedimostrano le notti bianche. Spesso pero’ un’offerta fuoricontrollo da parte di locali diversi dai pubblici esercizi,una vendita di alcol a basso costo e comportamentispregiudicati da parte di alcuni operatori, se nonaddirittura una presenza di offerta abusiva che puo’spingersi fino a limiti deprecabili e riprovevoli,contribuiscono a trasformare i luoghi di ritrovo in arene diconflitto con problemi di gestione dell’ordine pubblico”. Pertanto, secondo Stoppani ”e’ necessario trovare unpunto di equilibrio per migliorare la qualita’ della vita dichi si diverte e di chi risiede nelle zone deldivertimento”.

com-stt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su