Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Turchia: fotoreporter fermato, ho temuto ma trattato meglio di altri

colonna Sinistra
Martedì 18 giugno 2013 - 11:27

Turchia: fotoreporter fermato, ho temuto ma trattato meglio di altri

(ASCA) – Roma, 18 giu – ”Ora sto bene, grazie, e’ tutto aposto”. Lo ha detto, intervistato da Radio Capital, ilfotografo appena rilasciato dalle autorita’ turche, DanieleStefanini, che ha denunciato l’aggressivita’ delle forzedell’ordine nei confronti dei manifestanti antigovernativifermati durante le proteste delle ultime settimane. Stefaniniha inoltre ammesso di ”aver avuto paura”. ”Io ero partito per scattare delle foto e fino a un certopunto sono stato in grado di farlo, poi mi hanno messo aterra, preso a calci, la macchina fotografica e’ volata e sie’ dispersa e sono andate perse le ultime foto che avevoscattato” e’ il racconto del fotoreporter.

”Avevo seguito la polizia per un giorno – prosegue latestimonianza – erano scatti interessanti, immagini forti connasi rotti, teste spaccate, molta violenza, moltaconfusione”. ”Sono stato trattato meglio di altri – ha aggiuntoStefanini – a molti ragazzi e’ andata peggio. Io me la sonocavata con qualche contusione, nessuna ferita importante.

Tanti ragazzi attorno a me invece avevano nasi rotti, occhimaciullati”. ”Parlavano solo in turco, l’inglese non lo capivano” hariferito il fotografo del suo interrogatorio da parte delleautorita’ turche. ”Poi – ha aggiunto – non e’ che parlasseromolto, usavano mani, piedi, spray urticanti, insomma questitrattamenti”. ”Ho avuto paura, ieri, quando mi hanno letto i capid’accusa: resistenza a pubblico ufficiale, uso di bastoni,lancio di pietre e biglie” ha ammesso il professionistaitaliano fermato in Turchia. ”Ho temuto – ha aggiunto- erodavanti a un pubblico ufficiale e al mio fianco avevo unavvocato che non faceva parte del Consolato (italiano). Misono sentito solo, poi si e’ risolto tutto in manieratranquilla e il Consolato mi e’ stato sempre vicino”.

com-stt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su