Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Telethon, da Padova una nuova terapia per muscoli danneggiati

colonna Sinistra
Venerdì 7 giugno 2013 - 14:44

Salute: Telethon, da Padova una nuova terapia per muscoli danneggiati

(ASCA) – Roma, 7 giu – Rigenerare i muscoli danneggiatigrazie a un’impalcatura molecolare a base di collagene VI: e’quanto suggerisce uno studio finanziato da Telethon epubblicato su Nature Communications dal gruppo di ricercacoordinato da Paolo Bonaldo, professore di Biologia cellulareall’Universita’ di Padova. Oltre a chiarire un aspetto importante del modo con cui ilmuscolo si riforma dopo un danno, questo studio propone unnuovo approccio di terapia cellulare da applicare in malattiemuscolari degenerative, come per esempio le distrofie.

”Il collagene VI – spiega Bonaldo – e’ una nostra vecchiaconoscenza: sono infatti oltre 15 anni che, con il supportodi Telethon, studiamo questa proteina. Normalmente e’responsabile dell’ancoraggio delle fibre muscolari alla lorostruttura esterna di supporto, la matrice, ma quando e’difettosa porta allo sviluppo di due rare malattie ereditariedel muscolo, la distrofia congenita di Ullrich e la miopatiadi Bethlem. Nello studio appena pubblicato – illustra ilprofessore – abbiamo dimostrato nel modello animale di questepatologie come il collagene VI sia essenziale per unacorretta rigenerazione muscolare. In caso di danno aimuscoli, infatti, il compito di avviarne la riparazione e’ incapo a particolari cellule staminali adulte, chiamatesatelliti, che per funzionare hanno bisogno di una vera epropria impalcatura di supporto di cui il collagene VI e’ uningrediente essenziale. Se questa ‘nicchia’ – cosi’ e’chiamata in gergo tecnico – manca del collagene VI, lecellule satelliti non si attivano nel modo giusto e rimangonocome confuse, incapaci cosi’ di mantenere la loro funzione digenerare nuovo muscolo”, conclude il ricercatoredell’Universita’ di Padova.

Il lavoro di Bonaldo e collaboratori aggiunge un nuovotassello alle conoscenze sui meccanismi alla base dei difettiereditari del collagene VI e suggerisce un nuovo approccio diterapia cellulare. Questa proteina, infatti, e’ prodottaprincipalmente da cellule molto note e diffuse, nonche’facili da coltivare in laboratorio: i fibroblasti. Questo lavoro ha richiesto anche il contributo di alcunilaboratori internazionali, leader in campi scientifici moltodiversi, dalla biologia delle cellule staminali, allamedicina rigenerativa e ingegneria dei materiali. I gruppiche hanno affiancato i ricercatori patavini sono quellicoordinati da Giulio Cossu (University College London, Uk),Thomas Rando (University of Stanford, Usa) e Giovanni Vozzi(Universita’ di Pisa). com-stt/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su