Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ricerca: Giornata Gaslini, dai farmaci biologici alle staminali killer

colonna Sinistra
Giovedì 6 giugno 2013 - 20:55

Ricerca: Giornata Gaslini, dai farmaci biologici alle staminali killer

(ASCA) – Genova, 6 giu – Si e’ svolta presso l’IstitutoGiannina Gaslini di Genova la ”Giornata della Ricerca”, conincontri e seminari dedicati all’importante attivita’scientifica fiore all’occhiello dell’IRCCS pediatricogenovese, da anni leader in Italia nella ricerca scientificapediatrica. ”Le ricerche principali portate avanti al Gaslini neisettori immunologia, reumatologia, oncologia, ematologia,genetica, neuroscienze e nefrologia, raggiungono da annilivelli di eccellenza internazionale” spiega Lorenzo MorettaDirettore Scientifico dell’Istituto. In alcuni casi e’ gia’stato possibile applicare i risultati di queste ricerche alladiagnosi e alla cura di gravi malattie dei bambini. Adesempio, la sperimentazione e la validazione di nuovi farmacibiologici (anticorpi monoclonali) hanno permesso di cambiarela qualita’ di vita futura di bambini con una malattiainvalidante quale l’artrite reumatoide giovanile. Inoltre, scoperte di rilievo sulle cellule ”NaturalKiller” hanno fornito la base per un nuovo tipo di trapiantodi cellule staminali del sangue per la cura di leucemiealtrimenti mortali. ”Insieme al professor Franco Locatelli -ordinario di Pediatria presso l’Universita’ di Pavia,chiamato oggi a tenere la keynote lecture: ”L’oncoematologiapediatrica, un modello per la ricerca clinica traslazionale -e’ stato infatti sviluppato dal Gaslini, a livellopediatrico, un protocollo clinico di grande rilievo per lacura di leucemie ad alto rischio (il trapianto da genitore),in cui sono le cellule Natural Killer contenute nel trapiantoad eliminare le cellule leucemiche residue prevenendo lericadute del tumore”.

”Questo – continua Moretta – e’ stato possibile grazie alduro lavoro, all’entusiasmo e all’intelligenza di tantiricercatori, parte dei quali precari. Il 5×1000 dell’Irpef hapermesso a questi ricercatori di continuare a lavorare,grazie a contratti o borse di studio e alla possibilita’ diacquisire quello che e’ necessario per svolgere la ricerca.

Ancora una volta oltre 83 mila persone hanno scelto disostenere la ricerca dell’Istituto attraverso il 5×1000,ponendo il Gaslini al 5* posto in Italia come numero dipreferenze”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su