Header Top
Logo
Mercoledì 28 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Papa: smascheriamo gli idoli che ci impediscono di amare Dio

colonna Sinistra
Giovedì 6 giugno 2013 - 11:13

Papa: smascheriamo gli idoli che ci impediscono di amare Dio

(ASCA) – Citta’ del Vaticano, 6 giu – ”L’idolatria e’sottile, tutti noi abbiamo i nostri idoli nascosti” e ”lastrada della vita per arrivare, per non essere lontano dalRegno di Dio” comporta lo ”scoprire gli idoli nascosti”.

Lo ha detto papa Francesco nell’omelia della messa celebratastamane a Santa Marta.

A concelebrare con il papa, riferisce Radio Vaticana, vierano tre presuli, l’arcivescovo di Curitiba in Brasile,Jose’ Vitti, di Ibiza in Spagna, Juan Segura, e di Sagar inIndia, Chirayath Anthony. Presenti anche dei collaboratoridella Biblioteca Apostolica Vaticana, accompagnati dalviceprefetto Ambrogio Paizzoni, e un gruppo del personalelaico dell’Universita’ Lateranense, accompagnati dalprorettore, mons. Patrick Valdrini.

Un comportamento rintracciabile gia’ nella Bibbia, ricordail papa, nell’episodio in cui Rachele, moglie di Giacobbe,finge di non avere con se’ gli idoli che invece ha portatovia dalla casa di suo padre e nascosto dietro la suacavalcatura. Anche noi, afferma Francesco, ”li abbiamonascosti in una cavalcatura, nostra ma dobbiamo cercarli edobbiamo distruggerli”, perche’ per seguire Dio l’unicastrada e’ quella di un amore fondato sulla ”fedelta”’.

”E la fedelta’ – spiega il pontefice – ci chiede dicacciare via gli idoli, scoprirli: sono nascosti nella nostrapersonalita’, nel nostro modo di vivere. Ma questi idolinascosti fanno che noi non siamo fedeli nell’amore”. ”Non basta dire: ‘Ma io credo in Dio, Dio e’ l’unico Dio’- sottolinea Francesco – Va tutto bene, ma come vivi tuquesto nella strada della vita? Perche’ noi possiamo dire:”Il Signore e’ l’unico Dio, soltanto, non ce ne e’ unaltro’, ma vivere come se Lui non fosse l’unico Dio e averealtre divinita’ a nostra disposizione. C’e’ il pericolodell’idolatria: l’idolatria che e’ portata a noi con lospirito del mondo. E Gesu’, in questo, era chiaro: lo spiritodel mondo, no. E chiede al Padre che ci difenda dallo spiritodel mondo, Gesu’, nell’ultima cena, perche’ lo spirito delmondo ci porta all’idolatria”.

dab/sam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su