Header Top
Logo
Venerdì 20 Ottobre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Salvamamme, arriva l’estate ma il pericolo non va in vacanza!

colonna Sinistra
Mercoledì 5 giugno 2013 - 20:30

Salute: Salvamamme, arriva l’estate ma il pericolo non va in vacanza!

(ASCA) – Roma, 5 giu – L’estate e’ alle porte e, con il suoarrivo, anche tanti pericoli in piu’ per i bambini che con labella stagione trascorrono molte ore all’aria aperta, almare, in piscina, al parco, nel giardino di casa, in bici,sui monti … e Salvamamme, ”senza alcuna pretesa didiscorsi esaustivi, del resto impossibili, vuole soprattuttorichiamare l’attenzione di genitori, baby sitter, nonni,parenti, amici…sui rischi legati sia a quel rilassamentoche ci coglie un po’ tutti con il caldo, l’esigenza diriposo, la vacanza, sia al temporaneo cambiamento delleabitudini di vita che si verifica durante le ferie”. ”Tanto piu’ – osserva – che recenti indagini hannorilevato che solo il 45% dei genitori mette in atto le giustemisure di sicurezza per evitare incidenti piu’ o meno gravi.

Attenzione! perche’ il pericolo non va mai in vacanza! Unbarbecue, una passeggiata nel parco, un tuffo in piscina, unagita in bicicletta, una passeggiata nei boschi possonoesporre i bambini a rischi di ogni genere, talora nonprevedibili”. Un consiglio sopra tutti per un’estate serena: aumentare la vigilanza! Il bambino e’ un esploratore el’esplorazione e’ una fase fondamentale per una crescita sanaed armoniosa: le localita’ nuove dove in estate si trova unpo’ di riposo e di svago, i nuovi ambienti dove si soggiorna,le cose diverse che si fanno offrono alla curiosita’ e allafantasia dei piccoli mille occasioni piene di stimoli,nascondendo sovente insidie tentatrici. Sta ai grandi far si’che possano esplorare in autonomia e soprattutto insicurezza.

Salvamamme aveva in programma una campagna imminente perprevenire gli inconsapevoli abbandoni di bimbi nellevetture.

Purtroppo l’iniziativa e’ stata superata dal tragicoevento, portato alla pubblica attenzione, della morte delbimbo in un parcheggio di Piacenza. Non e’ tardi per prendereconsapevolezza di tanti altri rischi e pericoli.

Piuttosto che trascurare la sorveglianza dei bambini e’preferibile organizzare dei turni con altri parenti ogenitori. Si salvaguarda cosi’ salute e relax”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su