Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Crisi: Cgil presenta Rapporto diritti globali, siamo alla resa dei conti

colonna Sinistra
Martedì 4 giugno 2013 - 15:52

Crisi: Cgil presenta Rapporto diritti globali, siamo alla resa dei conti

(ASCA) – Roma, 4 giu – ”Siamo di fronte a una storica efinale resa dei conti con il modello sociale che hacontraddistinto a lungo l’Europa, garantendo i diritti dellavoro e delle fasce piu’ deboli della popolazione. Dietro loschermo delle ragioni economiche e di bilancio si afferma unavisione del mondo e delle relazioni sociali e umane diversada quella che abbiamo conosciuto e che e’ stata conquistatadalle lotte e dai sacrifici dei lavoratori, dei sindacati,delle forze sociali lungo tutto il secolo scorso”. Lo spiega Sharan Burrow, Segretario generaledell’International Trade Union Confederation (Ituc), ilsindacato mondiale, che quest’anno per la prima volta firmala prefazione del ‘Rapporto globale 2013’ della Cgil,presentato oggi a Roma.

Il rapporto Cgil – la cui prefazione e’ firmata anche dalsegretario generale, Susanna Camusso – compie 11 anni e inquesta edizione si concentra particolarmente su”l’austerita’ che sta aggravando decisamente la crisi e sonoormai in molti a chiedere a gran voce che si intraprenda lastrada della ripresa, degli investimenti e della spesasociale”, scrive la Cgil. ”Nella risposta alla crisi – prosegue – il sindacato deveavere un ruolo di primo piano, deve ricominciare aorganizzarsi, a ridare potere contrattuale ai lavoratori, aintensificare la propria influenza per respingere con forzal’agenda mondiale, per affermare una nuova economia e nuoverelazioni industriali, nel segno dell’equita’, dell’ecologia,della riduzione degli squilibri tra Nord e Sud del mondo, deidiritti umani, del welfare. Anche per questo, perche’ anchela difesa dei diritti dei lavoratori possa essere globale, ilRapporto di quest’anno vede la partecipazione dellaComisiones Obreras de Catalunya. Perche’ se dai diritti e dallavoro bisogna ripartire – afferma uno dei principalisindacati italiani – per sconfiggere la crisi, anche larisposta dei sindacati deve essere globale. Bisogna evitareche l’attuale recessione (che nel 2012 ha riguardato 9 Paesisui 17 dell’eurozona) si trasformi in inarrestabile declino ein pericolosa rottura della coesione sociale”.

Ideato e realizzato dall’Associazione Societa’INformazione onlus, il Rapporto e’ co-promosso con la Cgilnazionale, in collaborazione con ActionAid, Antigone, Arci,Comisiones Obreras (CCOO) della Catalogna, CoordinamentoNazionale delle Comunita’ di Accoglienza (Cnca), FondazioneBasso-Sezione Internazionale, Forum Ambientalista, GruppoAbele, Legambiente, Sbilanciamoci!.

I massimi rappresentanti di questi differenti soggettipartecipano alla presentazione del documento a Roma al fiancodi Danilo Barbi, segretario nazionale Cgil.

com-stt/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su