Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Caso Ruby: Ghedini, concussione? Semmai contestarla a Ostuni

colonna Sinistra
Lunedì 3 giugno 2013 - 13:05

Caso Ruby: Ghedini, concussione? Semmai contestarla a Ostuni

(ASCA) – Milano, 3 giu – Il reato di concussione ”nonsussiste” nel cosiddetto processo Ruby a carico di SilvioBerlusconi. E’ questo il filo conduttore dell’arringadifensiva che Niccolo’ Ghedini, uno degli avvocati diBerlusconi, sta pronunciando in aula. Il legale, ricostruendoi retroscena della notte tra il 27 e il 28 maggio 2010, hasottolineato che Berlusconi parlo’ al telefono solo con ilfunzionario Pietro Ostuni, ma che alla fine la decisione diconsegnare ‘Ruby’ (vero nome Karima El Mahroug) alconsigliere regionale Nicole Minetti fu presa da GiorgiaIafrate. Per Ghedini, ”Berlusconi ha chiesto soloinformazioni al funzionario Ostuni”, e percio’ ”non esistela sussistenza del reato di concussione”. E dal momento chela Iafrate ha deciso di affidare Ruby alla Minetti dopo averparlato con lo stesso Ostuni, ”semmai – ha detto Ghiedini inaula – la concussione andrebbe contestata al povero Ostuni,ma non e’ cosi”’.

Nella ricostruzione della difesa Berlusconi, infatti, ”e’stata Giorgia Iafrate a decidere, autonomamente,l’affidamento di Ruby alla Minetti. La Iafrate non ha maiparlato direttamente con Berlusconi, ma e’ lei che ha presoquesta decisione in modo autonomo”.

fcz/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su