Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: a Firenze primo caso Nuova Sars, uomo ricoverato in isolamento

colonna Sinistra
Sabato 1 giugno 2013 - 11:07

Salute: a Firenze primo caso Nuova Sars, uomo ricoverato in isolamento

(ASCA) – Firenze, 1 giu – E’ ricoverato in isolamentoall’ospedale di Careggi a Firenze l’uomo di 45 anni che hacontratto il Coronavirus, conosciuto anche come Nuova Sars,il primo caso registrato in Italia. L’uomo, di nazionalita’straniera, vive in Italia da tempo ed e’ stato recentementein Giordania per 40 giorni, dove uno dei suoi figli sembrasoffrisse di una forma influenzale non meglio specificata.

Il paziente, che al ricovero presentava febbre alta, tossee segni di insufficienza respiratoria, spiega il Ministerodella Salute, e’ attualmente ricoverato in isolamento ed e’in buone condizioni. Dopo la segnalazione della RegioneToscana, la conferma della diagnosi e’ stata effettuatadall’Istituto Superiore di Sanita’ – Dipartimento MalattieInfettive, Parassitarie e Immunomediate.

Si tratta di un virus la cui trasmissione interumanasembra essere possibile quasi esclusivamente laddove si sonoverificati contatti stretti e prolungati, come per esempionell’ambito di un nucleo familiare o in una corsiaospedaliera. Per quanto riguarda i viaggi internazionali e lerotte commerciali, l’Organizzazione Mondiale della Sanita’non raccomanda test ne’ altre restrizioni ai viaggiatoriall’ingresso nei Paesi membri della Regione Europea.

”Il fatto che questa nuova forma di Sars sia stataindividuata e isolata in Toscana – commenta il governatoreEnrico Rossi – implica una sola cosa: i medici e la sanita’della mia regione sono capaci di fare bene il loro lavoro.

Infatti non e’ la prima volta che le strutture sanitariedella Toscana abbiano avuto, prima di altre, la capacita’ disospettare, interrogarsi e indagare su nuove malattie.

Insomma un’altra prova di qualita’ della nostra sanita’, chee’ in grado di affrontare bene il problema appena insorge,isolarlo e cosi’ prevenirne le conseguenze negative”.

afe/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su