Header Top
Logo
Mercoledì 22 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Droga: Serpelloni (Dpa), no a false informazioni su cannabis innocua

colonna Sinistra
Martedì 28 maggio 2013 - 18:24

Droga: Serpelloni (Dpa), no a false informazioni su cannabis innocua

(ASCA) – Roma, 28 mag -”Registriamo con soddisfazione ilfatto che i dati europei dimostrano un calo dei consumigeneralizzato”, ma ”il dato piu’ significativo nei giovanie’ la corrispondenza tra l’uso di cannabis e la diminuzionedella percezione del rischio di pericolosita’ di questasostanza”. E’ il commento di Giovanni Serpelloni, capo delDipartimento Poltiche Antidroga della Presidenza delConsiglio, ai dati sul consumo di sorghe diffusi oggidall’Osservatorio Europeo.

”Un’altra variabile importante nel condizionare icomportamenti degli adolescenti – osserva – e’ il gradodisapprovazione sociale trasmesso ai giovani da famiglie,scuole, Stato e coetanei: indagini scientifiche dimostranoche se questo diminuisce – spiega Serpelloni – aumenta ilconsumo. Diffondere quindi informazioni errate sulla nonpericolosita’ di questa sostanza e’ assolutamente negativooltre che non veritiero sopratutto per le giovani generazioniche tendono poi a sminuirne le potenzialita’ tossiche.

Questo costituisce un reale problema – avverte – ancheperche’ l’ uso di cannabis negli adolescenti puo’compromettere la normale maturazione cerebrale e i rischisono molteplici: sindromi demotivazionali, slatentizzazionedi psicosi, diminuzione del quoziente intellettivo, effettisul coordinamento psicomotorio con probabilita’ maggiore diincidenti stradali.

Il problema principale comunque, da risolvere per i minori,nell’uso di sostanze stupefacenti, e’ il periodo di latenza,tra la prima assunzione e la richiesta di aiuto ai servizi,calcolato tra i cinque e gli otto anni.Per evitare una derivaverso forme e evolutive di dipendenza assume, dunque,un’importanza fondamentale la diagnosi precoce (”earlydetection”) che si concentra anche sull’individuazioneprecoce dei minori cosiddetti ‘vulnerabili’, ad esempio, condisturbi comportamentali, iperattivi o con deficit diattenzione. Ed e’ proprio sulla prevenzione sempre piu’precoce e con approccio educativo, supportando sopratutto lefamiglie e gli insegnati, che l’attenzione del Dipartimentorimane sempre altissima”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su