Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salute: Psoriasi, quasi un malato su due discriminato sul lavoro

colonna Sinistra
Lunedì 20 maggio 2013 - 15:48

Salute: Psoriasi, quasi un malato su due discriminato sul lavoro

(ASCA) – Roma, 20 mag – Seriamente compromessa la qualita’ divita delle persone affette da Psoriasi e Artrite Psoriasica.

Lo rivela un sondaggio condotto dall’A.DI.PSO., Associazioneper la Difesa degli Psoriasici, che sottolinea come oltre 7pazienti su 10 accusino impatti negativi sulla vita direlazione. L’84% delle donne e 41% degli uomini vede sempreinfluenzate dalla malattia le sue scelte in fatto diabbigliamento (che diventano il 92% delle donne e l’88% degliuomini se si considera chi e’ influenzato sempre o qualchevolta), il 63% si e’ privato della possibilita’ di fareattivita’ sportiva a causa della malattia, il 70% vede ilproprio umore influenzato negativamente, l’86% si e’ sentitoin imbarazzo almeno qualche volta per la reazione dellepersone alla malattia. Il 42% e’ stato penalizzato odiscriminato dal punto di vista delle opportunita’ diassunzione/carriera a causa di psoriasi o artritepsoriasica.

La psoriasi e’ una malattia cronica della pelle checolpisce piu’ di 100 milioni di persone al mondo, circa 2milioni e mezzo in Italia. Si manifesta con la comparsa dichiazze, inizialmente rossastre e rotondeggianti e ricopertedi squame di colore bianco-argenteo con il progredire dellapatologia. Vengono colpite piu’ frequentemente zone’esposte’, come gomiti, ginocchia, cuoio capelluto. Circa il30% di questi pazienti sono affetti da artrite psoriasica,caratterizzata dalla compresenza della psoriasi edell’artrite, ovvero rigidita’, dolore e gonfiori articolariche compromettono la quotidianita’.

Diagnosi precoce, perche’ le terapie farmacologicheabbiano maggiore efficacia, ma anche il ”camouflage” omaquillage correttivo, sono gli strumenti che vengono inaiuto dei pazienti con il Progetto ”PSO beautiful”,promosso da ADIPSO, ADOI, Associazione dei DermatologiOspedalieri Italiani e SIDeMaST, Societa’ Italiana diDermatologia medica, chirurgica, estetica e delle MalattieSessualmente Trasmesse e realizzato grazie al sostegnoincondizionato di MSD. ”Il paziente deve rivolgersi tempestivamente ad undermatologo per non lasciar suonare a vuoto eventualicampanelli d’allarme come l’interessamento ungueale o lesionidifficilmente rilevabili da parte di un occhio inesperto eper evitare di arrivare a comorbilita’ importanti comel’artrite psoriasica”, dichiara Ornella De Pita’, PastPresident ADOI, ricordando che ”la quasi totalita’ dellepsoriasi si possono trattare efficacemente: a seconda dellagravita’ sono disponibili prodotti topici, per le formelievi-moderate, e farmaci sistemici, per le forme piu’ gravi,in grado di tenere sotto controllo la patologia e assicurareuna buona qualita’ della vita”.

Il camouflage, o maquillage correttivo, e’ una tecnicacosmetica che puo’ dare un aiuto concreto ai pazienti nellacopertura degli inestetismi cutanei sia temporanei chepermanenti, in attesa dei miglioramenti prodotti daitrattamenti farmacologici. Nell’ambito del progetto PSObeautiful e’ stato realizzato un video-tutorial, con lapartecipazione straordinaria del famoso look maker DiegoDalla Palma, nel quale la dermatologa Rosanna Barbati insegnala tecnica di questo tipo di maquillage correttivo. Ma, avverte Rosanna Barbati, Responsabile DermatologiaOspedale San Eugenio di Roma , ”il camouflage non deveassolutamente essere considerato un’alternativa alle terapiefarmacologiche. Puo’ dare un aiuto concreto dal punto divista psicologico per gli effetti positivi sulla percezionedi se’, un sostegno alla qualita’ di vita quotidiana, ma nonsostituisce in ogni caso le terapie”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su