Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • E.Romagna/Sisma: Gabrielli, fatto tutto possibile. Tempi lunghi aiuti

colonna Sinistra
Lunedì 20 maggio 2013 - 14:02

E.Romagna/Sisma: Gabrielli, fatto tutto possibile. Tempi lunghi aiuti

(ASCA) – Roma, 20 mag – ”Per le condizoni date e per glistrumenti a nostra disposizione, credo prorpio che abbiamofatto tutto quello che era possibile fare”. Lo ha detto,intervenendo alla trasmissione di Radio 1 ‘Prima di tutto’,il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, inriferimento al sisma che un anno fa ha colpito l’EmiliaRomagna, la Lombardia e il Veneto.

”L’Emilia e’ un cantiere nel quale la gente stariprendendo, ovviamente con tutti i problemi creati dalsisma, problemi aggravati dalla condizione del paese, noncerto florida” ha osservato Gabrielli il quale non ritieneche le critiche avanzate dal prsidente della regione EmiliaRomagna, Vasco errani, siano riferite al sistema diprotezione civile. Al contrario, ”la critiche, checondivido, sono rivolte al sistema di erogazione dellerisorse, un problema che affligge tutti i post-eventicalamitosi, da quello dell’Emilia, al Mantovano, alRodigino.

Su questo punto – ha sottolineato Gabrielli – ho insistitomolto col presidente Letta: chi ha sofferto drammi di questagravita’ non puo’ permettersi tempistiche inadeguate per larisoluzione dei loro gravissimi problemi, tempistiche che conl’emergenza non hanno nulla a che vedere. E gliamministratori locali rivestono il delicato compito di farefront-office tra le esigenze della gente e le richieste chevanno poi indirizzate alle strtutture regionali estatuali”.

Secondo Gabrielli ”il tema fondamentale resta quellodella tempestivita’ negli interventi sotto il profilo dellerisorse. Anche perche’ in tutti i casi, ultimo l’Emilia, sitratta di popolazioni e cittadini che non stanno con le maniin mano, ma laboriosi e pronti al sacrificio. E meritanointerventi immediati”.

”Mi preme sottolineare – conclude Gabrielli -l’importanza della prevenzione. Se in questo paese, non siprendera’ coscienza che la prevenzione di un evento e’ ilmodo migliore, la politica giusta per attenuarme leripercussioni e i danni, la nostra sara’ una emergenzacontinua”, ha chiuso il capo della Protezione civile.

red-stt/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su