Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Terra Futura: progetto Toscana per filiera moda sostenibile

colonna Sinistra
Venerdì 17 maggio 2013 - 14:34

Terra Futura: progetto Toscana per filiera moda sostenibile

(ASCA) – Firenze, 17 mag – Migliorare la conoscenza sulla filiera del tessile e della moda in un’ottica sostenibilita’. E’ lo scopo del progetto, diretto agli studenti delle scuole superiori toscane, ”Vesto naturale e solidale – Tessile: cultura e sostenibilita’ dei consumi’ promosso dall’ACU (Associazione Consumatori Utenti della Toscana) in collaborazione con Regione Toscana e Ufficio Scolastico Regionale. L’iniziativa conclusiva si e’ tenuta stamattina a Terra Futura. Il progetto, rivolto agli studenti toscani delle scuole superiori, ha avuto l’obiettivo di approfondire tutti gli aspetti relativi al riciclo (si stima che ogni anno vengano gettati in discarica milioni di tonnellate di abiti la meta’ delle quali potrebbe essere reimpiegata) e all’acquisto di indumenti (specialmente quelli provenienti da paesi in via di sviluppo prodotti secondo normative meno severe delle nostre, con tutti i problemi legati all’impatto ambientale, sociale e sanitario). L’ACU, iscritta nell’elenco regionale delle associazioni riconosciute dalla Regione e membro del CRCU, ha costituito una rete internazionale sul tessile ed ha inserito nei propri programmi di educazione al consumo il progetto che si e’ concluso oggi. Gli studenti hanno imparato a saper leggere e confrontare le etichette dei capi di vestiario, sia di uso comune che quelli utilizzati nello sport, a comprendere e comparare i diversi processi produttivi con un’attenzione particolare al mondo della moda (chi, dove, come produce e comunica attraverso i media). Nel corso del progetto i ragazzi e le ragazze hanno partecipato a percorsi di alternanza scuola-lavoro e a seminari (rivolti anche agli insegnanti). E’ stata inoltre creata una piattaforma multimediale che ha permesso il confronto e lo scambio di informazioni tra i diversi istituti e gli esperti della rete internazionale creata dall’ACU. afe/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su