Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Biodiversita’: MinAmbiente e Federparchi, ecco le ‘liste rosse’

colonna Sinistra
Venerdì 17 maggio 2013 - 19:01

Biodiversita’: MinAmbiente e Federparchi, ecco le ‘liste rosse’

(ASCA) – Roma, 17 mag – Sono 161 le specie di animalivertebrati e 194 le varieta’ vegetali a rischio di estinzionein Italia: lo affermano le due Liste Rosse nazionali dellespecie a rischio estinzione. I due volumi realizzati dalministero dell’Ambiente e da Federparchi nell’ambito dellaIucn (Conservazione mondiale per la conservazione dellanatura), verranno presentati a Roma il 22 maggio dalle 9,30alle 14 nella sala-convegni del palazzetto delle CarteGeografiche, via Napoli 36, in occasione della Giornatamondiale della biodiversita’ e della Settimana europea deiparchi.

Le Liste Rosse rappresentano la valutazione del rischio diestinzione e sono stati valutati pesci d’acqua dolce, anfibi,rettili, uccelli nidificanti, mammiferi, pesci cartilaginei(squali e razze) e flora. La valutazione del rischio diestinzione e’ basata su categorie, criteri e linee guidaaggiornate periodicamente, effettuate tramite workshoptematici con gruppi di esperti delle diverse specie e areedel territorio nazionale, e revisionate criticamente sia neicontenuti sia nell’applicazione del protocollo secondo lelinee guida.

L’appuntamento del 22 maggio per il ministero dell’Ambientes’inserisce nella piu’ ampia cornice del rapporto dicollaborazione con Federparchi, che ha posto una serie diobiettivi comuni per la valorizzazione delle aree protette edella biodiversita’. Secondo il presidente diFederparchi-Europarc Italia, Giampiero Sammuri, ”e’ statosvolto un lavoro straordinario. Le caratteristichegeografiche, climatiche e storiche dell’Italia hannoconsentito nel tempo l’insediamento e la permanenza di unavariegata e ricca biodiversita’, inclusa una gran varieta’ dispecie endemiche e ambienti e paesaggi esclusivi. Questaricchezza e’ riconosciuta a livello mondiale. Ecco perche’abbiamo la responsabilita’ di monitorare e salvaguardarequesto capitale naturale dalle tante minacce che siprofilano. Le pubblicazioni con le Liste Rosse ci diconoquali e quante specie animali e vegetali rischiano discomparire e soprattutto quali sono le cause che possonodeterminare i fattori di rischio”. Il comitato Iucn Italia fa parte dell’Unione internazionaleper la conservazione della natura, la piu’ anticaorganizzazione mondiale per la difesa dell’ambiente.

L’autorita’ nazionale dell’Iucn in Italia e’ il ministerodell’Ambiente, mentre Federparchi e’ socio e gestisce perstatuto la segreteria.

com-mpd/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su