Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Bellezza: orecchie a sventola addio, con nuove tecniche chirurgia

colonna Sinistra
Venerdì 17 maggio 2013 - 15:38

Bellezza: orecchie a sventola addio, con nuove tecniche chirurgia

(ASCA) – Roma, 17 mag – Nuove tecniche per ottenere risultatimigliori e per soffrire meno. Se ne parla a Padova durante uncorso patrocinato dall’Associazione Italiana di ChirurgiaPlastica Estetica (Aicpe), interamente dedicatoall’intervento di otoplastica, per correggere le cosiddette”orecchie a sventola” e per ridurre le dimensioni deipadiglioni auricolari. Dedicato a specialisti especializzandi in chirurgia plastica, l’evento ”Leotoplastiche estetiche – Metodi a confronto”, diretto daLuca Siliprandi, ha l’obiettivo di presentare le novita’ diquesta operazione. La chirurgia plastica del padiglioneauricolare si dedica alla correzione della forma delleorecchie che penalizzano l’aspetto dell’individuo inducendosentimenti di grave insicurezza. Anche se rivolto allacorrezione di una malformazione, l’intervento e’ puramenteestetico. Secondo i dati Aicpe, le otoplastiche sono poco piu’ del5% del totale degli interventi di chirurgia plastica esteticaeseguiti in Italia nel 2012. Ad andare sotto al bisturi sonosoprattutto minorenni, di cui molti di eta’ compresa fra i 6e gli 8 anni: ”Le cosiddette ‘orecchie a sventola’, ossiapadiglioni auricolari prominenti, possono generare imbarazzofin dall’eta’ scolare – spiega il chirurgo plastico, LucaSiliprandi -.

Il fatto di essere presi in giro dai compagni, di sentirsidiversi e insicuri, e’ tra i motivi alla base dell’eticita’dell’intervento, che puo’ essere praticato senza problemigia’ alle elementari”. Gli interventi chirurgici, di solitoeseguiti in anestesia locale, devono essere eseguiti contecniche raffinate ed estrema precisione: ”La forma di unpadiglione auricolare dipende da una complessita’ diparticolari anatomici – afferma il chirurgo plastico -. Moltepossono essere le diverse cause di una deformita’ e tuttedevono essere riconosciute e corrette per garantire risultatinaturali e armoniosi”. Importante e’ rivolgersi sempre achirurghi plastici specializzati, facilmente riconoscibilidall’appartenenza a societa’ scientifiche di categoria, comeAicpe.

Focus dei lavori su una tecnica proposta da due chirurghiplastici, uno svizzero e un americano, ma ancora pocoutilizzata, per ridurre le dimensione di orecchie troppograndi e di un ”diagramma di flusso”, messo a punto daldottor Siliprandi, per guidare il chirurgo nella scelta dellapiu’ appropriata strategia chirurgica per ottenere risultatinaturali.Partendo dall’attenta osservazione del padiglione dacorreggere, la metodologia consente al chirurgo di decideresu quali parti del padiglione intervenire, in quale sequenzae con quale tecnica chirurgica.

Un’altra novita’ riguarda l’analgesia: e’ statorecentemente introdotto un anestetico locale, la chirocaina,che consente di mantenere l’assenza di dolore per 10-12 oredopo l’intervento. Proprio questo anestetico sara’ utilizzatosui pazienti operati in occasione del corso.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su