Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Salone Libro: Picchioni, siamo una manifestazione pop

colonna Sinistra
Giovedì 16 maggio 2013 - 15:33

Salone Libro: Picchioni, siamo una manifestazione pop

(ASCA) – Torino, 15 mag – Se il Salone del Libro fosseconsiderato un po’ come il Festival di Sanremo dell’editoria,il suo ‘patron’ non se la prenderebbe a male. Picchioni comeSalvetti? ”Siamo un salone pop”, dice con orgoglio ilpresidente della fondazione per il Libro, Rolando Picchioni,inaugurando questa mattina al Lingotto la 26esima edizionedella manifestazione, che asieme al Cile paese ospited’onore, introduce per la prima volta anche una regione”ospite”, la Calabria. Anche un po’ E-Pop, si potrebbeironizzare visto la sempre crescente attenzione al mondodell’editoria elettronica.

Ricordando che il Salone e’ anche il piu’ grande festivalculturale d’Italia, oltre 300mila visitatori lo scorso anno,con un numero di ingressi triplicato negli anni e quellodegli espositori, 1400, raddoppiato, Picchioni difende lacontaminazione, l’inclusione, il fatto che sia ”nonclassista e non ideologico” e il valore aggiunto”immateriale, unico e straordinario insostituibile,dell’esserci”. Una salone dice Picchioni, attento adinvitare in modo equilibrato esponenti politici di entrambigli schieramenti di centrosinistra e centrodestra, daVeltroni e Renzi a Quagliarello e Tajani, che 2garantisce ildiritto di parola a tutti, purche’ ne accettino le regole diliberta’ e di rispetto per gli altri”. E’ pop anche ,aggiunge Picchioni, perche’ e’ davvero alla portata di tutti.

Un salone, ha osservato il suo presidente, che ha saputoreagire alla crisi giovando la carta dell’innovazione. ”Lacrisi ha cercato di graffiare l’epidermide del Salone delLibro, ma non lo ha scalfito. Questo ci ha consentito diattrezzare una risposta che gli economisti definirebberoanticiclica”, potenziando la dimensione internazionale, conla presenza per la prima volta dei big player internazionaliasiatici come Cina, Giappone e Corea, ampliando il programmaculturale, che pone inevitabilmente anche il tema dellacreativita’ istituzionale, in una fase di impasse politicacome quella attuale.

eg/res/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su