Header Top
Logo
Sabato 22 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Maltempo: Italia spaccata, pioggie intense a Centro-Nord, estate al Sud

colonna Sinistra
Mercoledì 15 maggio 2013 - 12:08

Maltempo: Italia spaccata, pioggie intense a Centro-Nord, estate al Sud

(ASCA) – Roma, 15 mag – Italia divisa in due nei prossimigiorni con pioggia a dirotto a nord, a fronte di temperatureestive attese al sud.

Lo prevede in una nota il meteorologo di 3bmeteo,Francesco Nucera, precisando che la prima di tre pertubazioniattese transitera’ tra mercoledi’ e giovedi’; la secondaarrivera’ venerdi’. La terza, infine, e’ prevista sabato, masara’ limitata alle regioni settentrionali, fenomeni menoprobabili su Venezie ed Emilia Romagna. Piogge molto intense si prevedono in particolare su Alpi ePrealpi di Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli ma ancheLiguria con accumuli fino a 100 mm in 24 ore. Acquazzoni etemporali sono previsti anche al centro in particolare suiversanti tirrenici ed in Sardegna. Piovera’ di piu’ sull’alta Toscana. Variabilita’ confenomeni piu’ irregolari e’, invece, prevista a Sud dovesoffiera’ lo Scirocco e le temperature saranno sopra le mediedi 4/5 gradi. Punte di 26/28 gradi si attendono su Sicilia,Calabria, Lucania e foggiano e non si escludono picchi di 30gradi sui settori tirrenici siculi. Clima piu’ fresco al nordcon massime comprese tra 15 e 20 gradi.

”Si tratta di un peggioramento inusuale per meta’ maggio,piu’ consono all’autunno che non alla primavera”, valutaNucera. ”Colpa – aggiunge – dell’aria fredda che, nonostanteil periodo, raggiunge con facilita’ il Mediterraneo fino asprofondare sul Nord Africa. La risposta e’ un flusso di ariamolto calda e umida che alimenta una energica circolazione dibassa pressione che incide negativamente su gran partedell’Europa occidentale”.

”Dopo un inverno piovoso continua questa primavera moltobizzarra specie al centro nord. Il fatto singolare non e’tanto la verifica quanto la ricorrenza di queste situazionidepressionarie , piuttosto restie ad abbandonare confacilita’ il Mediterraneo”, conclude l’esperto.

com-stt/gc

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su