Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Dia: arrestati a Trezzano amministratori e imprenditori per corruzione

colonna Sinistra
Martedì 14 maggio 2013 - 14:03

Dia: arrestati a Trezzano amministratori e imprenditori per corruzione

(ASCA) – Milano, 14 mag – Un ”pesante quadro di corruttele eillegalita’ con pubblici amministratori asserviti agliinteressi di imprenditori e con professionisti abili nelmascherare, con un giro di false fatturazioni, il pagamentodi tangenti”. Questo il quadro accusatorio che ha portatooggi all’ arresto, da parte del personale della Dia diMilano, di 8 persone tra pubblici amministratori,professionisti e imprenditori, a seguito di un’indagine cheha fatto luce su un’associazione a delinquere finalizzataalla corruzione. ”Numerosi e gravi” i fatti emersi in gran parte legatilegati all’approvazione del P.G.T. del comune di Trezzano sulNaviglio e ai tentativi di condizionarne gli atti.

Eseguite, con la collaborazione di personale della Polizia diStato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza,piu’ di 30 perquisizioni in varie localita’ della provinciadi Milano, Varese e Bergamo e notificate informazioni digaranzia nei confronti di altre 8 persone coinvolte a variotitolo negli illeciti accertati.

Gli arrestati, indagati per associazione a delinquere ecorruzione aggravata in concorso, sono : gli assessori aiServizi Sociali e ai Lavori Pubblici del comune di Trezzano;il Comandante della Polizia Municipale del comune lombardo;un imprenditore; 2 commercialisti e un geometra dell’UfficioTecnico del comune di Trezzano.

Dalle indagini e’ emerso ”un pesante quadro di corruttelee illegalita’ con pubblici amministratori asserviti agliinteressi di imprenditori e con professionisti abili nelmascherare, con un giro di false fatturazioni, il pagamentodi tangenti”.

Definito ”significativo” l’episodio legato al tentativo dispostare l’asilo comunale di via Fogazzaro nel comune diTrezzano sul Naviglio per far posto ad un parcheggiodestinato ad un centro commerciale. Vicenda collegata allapromessa di una somma non inferiore a 500 mila euro e allacorresponsione, in piu’ occasioni, di una somma non inferiorea 230 mila euro. Gli inquirenti hanno anche documentato laconsegna di una tangente avvenuta all’interno di un’auto.

Tangenti di cui e’ stato accertato il trasferimento su contiin Svizzera.

red-gc/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su