Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Basilicata: Benedetto,tradizione e innovazione rilanciano agroalimentare

colonna Sinistra
Giovedì 9 maggio 2013 - 17:02

Basilicata: Benedetto,tradizione e innovazione rilanciano agroalimentare

(ASCA) – Potenza, 9 mag – ”Tradizione ed innovazione possonorappresentare la chiave di svolta per il rilancio delcomparto agroalimentare lucano che, per l’export, continua adare segnali incoraggianti: oltre 16 milioni di euro al terzotrimestre 2012 e piu’ 2,7 % rispetto allo stesso periododell’anno precedente sono una buona base di partenza. IlSalone dell’Enogastronomia, Artigianato e del Turismo che siterra’ presso il quartiere fieristico di Tito Scalo neiprossimi giorni rappresenta, dunque, una buona occasione perfare il punto del settore che a livello industriale risultaessere in sofferenza”. Lo ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura della regioneBasilicata, Nicola Benedetto, in occasione della conferenzastampa di presentazione della manifestazione NaturalmenteSud. ”Come nuovo metodo nel lavoro istituzionale appenaavviato – ha sottolinea Benedetto – intendiamo cooperare edialogare con una progettazione coordinata tra organi locali,regionali, nazionali ed europei per iniziative promozionali efieristiche, oltre che di tipo multimediale, che riguardinola conoscenza e la promozione delle eccellenze storiche,culturali, commerciali e paesaggistiche d’interesse e lavalorizzazione delle eccellenze agro-alimentari”. ”Particolare attenzione – ha aggiunto l’assessore – e’rivolta ai prodotti a denominazione di origine controllataquali i vini, l’ortofrutta di qualita’, la pasta, il pane ele produzioni di nicchia. Dobbiamo lavorare per innalzare laqualita’ dei prodotti tipici e per raggiungere questi scopiauspico una maggiore collaborazione dei soggettiistituzionali presenti sul territorio lucano. ”Con i Piani di sviluppo agro-alimentari – dichiaraancora Benedetto – abbiamo una disponibilita’ finanziariacomplessiva di dieci milioni di euro che non deve esseredispersa in azioni scollegate tra loro. Queste tipicita’calate poi nel contesto degli agriturismi, alberghi, borghialbergo, ristoranti, musei della civilta’ contadina,artigiani e commercianti, consentono di proporre l’interoterritorio dando cosi’ vita ad una nuova filieraagricoltura-turismo-ambiente-cultura”.

L’obiettivo centrale e’ quello di accrescere lafruibilita’ del territorio e le opportunita’ occupazionalidei territori rurali attraverso lo sviluppo e il sostegno diattivita’ non tradizionalmente agricole. La creazione diqueste opportunita’ rappresenta un incentivo alla permanenzadei giovani, contribuendo a contenere – conclude Benedetto -i fenomeni di spopolamento e di emarginazione socio-economicadelle aree rurali”. com-stt

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su